SALUTE E BENESSERE

Aumentano i vegetariani in Italia
Secondo gli ultimi dati riportati dall'Eurispes, in Italia circa 5 milioni di persone sono vegetariane e ben lo 0,4% di esse avrebbe optato per una soluzione ancora più drastica, escludendo dalla propria dieta alimentare anche latte ed uova, diventando così, vegane.

VEGETARIANI IN AUMENTO - A riferire questi dati all'Adnkronos il vicepresidente della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana Leonardo Pinelli, alla vigilia della Giornata Mondiale dei vegetariani che si celebrerà il prossimo1 ottobre. A scegliere la dieta “verde” soprattutto le donne. Il 7,2% contro il 5.3% degli uomini e la percentuale più alta si registra soprattutto tra i giovanissimi, di età compresa tra i 18 ed i 25 anni. «Per circa la metà dei vegetariani – ha spiegato Pinelli - questa opzione dipende dalla convinzione, scientificamente ben fondata, che mangiare soprattutto frutta e verdura arrechi benefici alla salute. Molto alta, poi, la percentuale di coloro che sono mossi verso questa decisone da ideologie animaliste (44%)». «Infine, in aumento costante coloro che scelgono la dieta verde per ragioni di tipo ambientalista: è provato che questo tipo di dieta – ha proseguito il medico - comporti un minore spreco di risorse e provochi meno danni all'ambiente. Nel giugno 2011 un'indagine Unep, Programma delle Nazioni Unite sull'Inquinamento, ha rivelato che il 18% delle emissioni di Co2 nell'atmosfera derivano dalla fermentazione dei mangimi all'interno dell'intestino degli animali allevati dall'uomo. Allevare animali da destinare all'alimentazione umana inquina quindi ben più, ad esempio, del trasporto su gomma in tutto il mondo». Inoltre Pinelli ha sottolineato come una grandissima quantità di risorse vegetali venga sottratta all'alimentazione destinabile all'uomo e venga utilizzata come foraggio per gli animali da allevamento: «se la maggior parte della popolazione mondiale divenisse vegetariana, e si riservassero così all'alimentazione umana le estensioni a latifondo oggi appannaggio della produzione di foraggi, potremmo arrivare a sfamare ben 11 miliardi di persone, ben più dell'attuale popolazione mondiale» ha spiegato il medico.

DIETA VEGETARIANA ADATTA AI BAMBINI - Il dott. Pinelli ha poi voluto sottolineare come una dieta vegetariana potrebbe contribuire, anche nei bambini, ad eliminare i problemi dovuti al sovrappeso: «Per quanto riguarda l'apporto di tutte le sostanze nutrienti necessarie alla crescita – ha riferito - la dieta vegetariana non comporta alcun rischio. Direi, al contrario, che anche un accrescimento più equilibrato è garantito dalla dieta verde: i bambini italiani, infatti, hanno spesso troppa massa grassa. L'unica attenzione va riservata ai piccoli vegani, i quali hanno bisogno d'integrare, attraverso appositi prodotti, la vitamina B12». Niente diete “fai da te”, dunque, secondo il pediatra, ma il consiglio ai genitori di affidarsi, fin dalla nascita dei loro bambini, ad un buon medico nutrizionista. « Accade spesso che genitori vegetariani, intenzionati a educare alla dieta verde anche i propri figli, incontrino le resistenze del pediatra: allora, convinti della propria scelta ma privi del supporto del medico, si trovano costretti a una dieta 'fai da te', sovente non pianificata e quindi poco equilibrata. L'auspicio, quindi, è duplice: - ha concluso Pinelli - che i genitori si preoccupino di cercare pediatri più aggiornati - che abbiano approfondito le proprie conoscenze sulle scienze nutrizionali - e che sempre più medici dei bambini s'informino sui benefici della dieta vegetariana». (www.newnotizie.it)



Torna all'indice di ASA-Press.com