SALUTE E BENESSERE

Aviaria: primo focolaio in Italia causato da anatre migranti portatrici virus

Contaminazione del terreno degli allevamenti ovicoli con il virus dell'influenza aviaria veicolato da anatre selvatiche migranti: è questa la causa del primo focolaio scoppiato nell'allevamento di Ostellato

"Contaminazione del terreno degli allevamenti ovicoli con il virus dell'influenza aviaria veicolato da anatre selvatiche migranti. E' questa la causa del primo focolaio scoppiato nell'allevamento di Ostellato". A fare il punto per l'Adnkronos Salute è Gabriele Squintani, responsabile del Servizio veterinario e igiene della Regione Emilia Romagna. "Dopo accurate analisi epidemiologiche si è arrivati a trovare la causa di questo primo focolaio, da cui è partito tutto - sottolinea Squintani - Le anatre sono portatrici di un virus a bassa patogenicità. Le galline degli allevamenti sono venute a contatto con il terreno dove probabilmente erano presenti le feci delle anatre infette e hanno portato il virus all'interno dei capannoni. Qui si è alzata la patogenicità perché il microrganismo è mutato".
Sul rischio di un eventuale trasporto del virus dal Nord Italia al Sud, Squintani precisa che "è molto difficile che ciò accada, ma certo non possiamo escluderlo. Anche se servirebbe la concomitanza di molti fattori". "Mentre per la diffusione da un allevamento all'altro - sottolinea Squintani - la responsabilità è legata al trasporto delle uova: il secondo focolaio ha infatti toccato un allevamento con un sito per l'imballaggio e qui, molto probabilmente, è arrivato il virus dal primo sito, presente sull'esterno delle uova. Mentre nel caso del terzo focolaio c'è la vicinanza con Ostellato, che è a circa tre chilometri. Questa secondo gli esperti è una distanza che il virus può percorrere trasportato dal vento". (www.adnkronos.com)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com