SALUTE E BENESSERE

Buono da mangiare non solo perché saporito o gustoso ma perché etico
Caporale (Cnb): "Per tutelare gli animali e battere la crisi"

La posizione del Cnb è diretta a sostenere un’etica della biocultura che consenta di superare una concezione dell’animale esclusivamente quale mezzo per il soddisfacimento di interessi e di bisogni umani e in cui esso venga riconosciuto quale essere senziente meritevole di tutela
Buono da mangiare non solo perché saporito o gustoso, ma anche perché prodotto in modo tale da evitare la sofferenza degli animali allevati per finire sulle nostre tavole. E riconoscibile attraverso un marchio 'etico'. A indicare all'Adnkronos Salute la soluzione per armonizzare la tutela dell'alimentazione umana e il benessere animale è la bioeticista Cinzia Caporale, coordinatrice del gruppo di lavoro che ha elaborato il Parere in tema di benessere animale e alimentazione umana. "Il Comitato nazionale per la bioetica ha sempre manifestato attenzione per la questione etica della tutela del benessere animale nei differenti contesti di vita e di utilizzazione da parte dell’uomo. Spesso si parla della sofferenza di singoli animali o degli esemplari usati dalla ricerca, ma c’è troppo silenzio sulla sofferenza di miliardi di animali usati come macchine da produzione", dice Caporale.
Ora il Cnb "pur riconoscendo come legittimo l’interesse umano a prezzi contenuti e non mettendo in discussione il mangiare prodotti di origine animale, stabilisce che questa sofferenza non si può più ignorare. Anzi, con misure contenute e creando mercati paralleli, sarebbe possibile trasformare la tutela nei confronti di questi esseri senzienti in un valore aggiunto per i consumatori e il made in Italy, anche in tempo di crisi". Nel mirino degli esperti la tendenza alla diffusione di forme di produzione industriale "che penalizzano sensibilmente la qualità di vita degli animali", si legge nel documento. Buono da mangiare è anche ciò "che esprime le nostre opzioni di valore, ciò che è conforme a determinati requisiti etici di correttezza e trasparenza dell’intera filiera produttiva nonché di attenzione nei confronti dei parametri del benessere animale". La posizione del Cnb è diretta a sostenere un’etica della biocultura che consenta di superare una concezione dell’animale esclusivamente quale mezzo per il soddisfacimento di interessi e di bisogni umani e in cui esso venga riconosciuto quale essere senziente meritevole di tutela.
Secondo Caporale "un consumatore consapevole non può dirsi innocente rispetto alla sofferenza evitabile". Per il Cnb "occorre pervenire a una valutazione globale che esamini il problema alla luce di un più ampio e lungimirante concetto di vantaggio per la società nel suo complesso, compreso quello del mondo produttivo, nel rispetto della salute umana, del benessere degli animali e della sostenibilità ambientale". "Oltre tutto, l’Ue quantifica in circa il 2% il 'costo' aggiuntivo da sopportare se si tiene conto del benessere animale, costo che però attraverso l’adozione di procedure di biosicurezza e l’accorciamento delle filiere sarebbe ampiamente ammortizzato e potrebbe non pesare sulla zootecnia e non comparire nel prezzo finale al consumatore. Proprio in tempo di crisi vanno sviluppati mercati paralleli e prodotti innovativi: la bioetica per l’economia è uno strumento insolito ma realistico per scelte moralmente consapevoli e valorizzazione della produzione nazionale", dice Caporale. (www.adnkronos.com)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com