SALUTE E BENESSERE

Salute: Agrofarma su residui pesticidi, massima sicurezza per il consumatore


"Massima sicurezza per i consumatori" di frutta "e gli operatori del settore". Dopo i risultati dello studio realizzato dall'Arpa Lazio insieme all'Università La Sapienza di Roma sull’aumento della presenza di residui di agrofarmaci nella frutta, Agrofarma – Associazione nazionale imprese agrofarmaci, che fa parte di Federchimica – segnala che "l'ortofrutta italiana è sottoposta a rigorose e continuative verifiche da parte delle autorità competenti quali il ministero della Salute, a livello nazionale, e l’Efsa a livello europeo. Gli ultimi studi da queste condotti hanno infatti dimostrato che, in tema di residui di agrofarmaci, non vi è alcuna preoccupazione per la sicurezza alimentare, rilevando ad esempio che il 97,4% dei campioni analizzati nel solo 2009 è risultato al di sotto dei livelli massimi consentiti dalla legge".
In aggiunta, "si evidenziano i dati dell’ultimo Rapporto ufficiale Fitofarmaci del ministero della Salute che, basandosi sull’analisi di migliaia di campioni, mostrano come in Italia in realtà solo lo 0,4% di frutta e verdura presenti residui al di sopra dei limiti di legge, con addirittura il 64,2%, due casi su tre, che ne è del tutto privo, e rispetto ad una media europea del 3,5%. Quest’ultimo rappresenta un dato particolarmente significativo se ricordiamo che nel Belpaese, dal 1993 a oggi, i residui irregolari sono passati dal 5,6% allo 0,4%. Grazie a questi risultati l’Italia si pone, inoltre, leader in Europa in materia di sicurezza alimentare".
In riferimento agli allarmi sui casi di multiresiduo, "che secondo lo studio sono 'più che triplicati in un arco di tempo di 12 mesi', segnaliamo che ad oggi non esiste alcuna evidenza scientifica che dimostri l’esistenza di un effetto negativo dovuto alla loro presenza. La stessa normativa che fissa il limite massimo per ogni sostanza eventualmente presente in forma di residuo, inoltre, nello stabilire tale limite massimo, applica un fattore di sicurezza 100; questo consegue nell’ottenimento di una soglia massima che è addirittura un centesimo di quello che potrebbe essere già ammesso, garantendo di conseguenza al consumatore alti standard di sicurezza alimentare", evidenzia Agrofarma.
In merito ai possibili rischi cui andrebbero incontro i lavoratori, l'Associazione evidenzia che oggi gli operatori agricoli hanno a disposizione sistemi di protezione individuali piuttosto avanzati, oltre che essere preparati all'uso dei dispositivi di protezione e consapevoli di un corretto utilizzo dei prodotti, "fattori possibili anche grazie ad una migliore conoscenza scientifica delle molecole".
Agrofarma sottolinea infine che i" costanti e significativi investimenti in ricerca e sviluppo da parte delle industrie del settore hanno permesso di ottenere, nel solo 2010, una riduzione dell’utilizzo di fitofarmaci del 2.4% (Istat). L’introduzione di nuove tecnologie sempre più avanzate e rispettose dell’ambiente ha infatti consentito di ridurre le dosi d’impiego, tant’è vero che, se si guarda in maniera ampia al ventennio 1990-2010, si registra un consistente calo del 32% del consumo nazionale di agrofarmaci". (http://www.adnkronos.com)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com