SALUTE E BENESSERE

Se il cibo è più denso, si mangia di meno
Il trattamento lascia inalterati sapore e cremosità ma riduce dosi e calorie

A descrivere questo potenziale sistema, una ricerca dell'University of Sussex (Gran Bretagna), diretta dalla dottoressa Keri McCrickerd e pubblicata su "Flavour".
Gli scienziati hanno lavorato in più fasi.
Nel primo momento, il prodotto-base (bevanda allo yogurt) è stata trattata con un agente addensante, la gomma di tara. Dopodiché i test: volontari umani hanno messo a confronto la bevanda originale con quella modificata. In base ai risultati, lo yogurt con tara mostrava densità e viscosità accresciuta, cremosità differente e sapore identico. Fatto più importante, lo yogurt con tara saziava i soggetti seppur assunto in minor quantità.
Nonostante tale effetto-sazietà sia di effetto limitato, gli esperti ritengono che la via presa in esame sia promettente.
Conclude la capo-ricercatrice: "Probabilmente questa situazione si è avuta perchè la densità è una caratteristica del cibo solitamente associata al sentirsi sazi. Le aspettative dei consumatori sono importanti e il nostro studio mostra che i consumatori sono sensibili a sottili cambiamenti nelle caratteristiche sensoriali orali di una bevanda. Densità e cremosità potranno essere manipolate per arrivare sempre più vicini a far provare il senso di sazietà dopo aver assunto una bevanda ipocalorica". (Matteo Clerici - www.newsfood.com)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com