SALUTE E BENESSERE

Arsenico: nel Lazio l’emergenza è permanente

Arsenico nell’acqua: l’emergenza continua e dal 2013 - ancora una volta - c’è il rischio che 300 mila cittadini restino senz’acqua potabile. Succede nel Lazio, dove in molti Comuni i valori di arsenico, da anni, sono superiori ai limiti imposti dall’Unione Europea. Le autorità italiane sono andate avanti a suon di deroghe, innalzando i valori limite in attesa di soluzioni definitive. L’ultima proroga, valida fino al 31 dicembre 2012, è arrivata dal Consiglio dei Ministri dello scorso 5 marzo: il primo gennaio 2013 entrerà definitivamente in vigore l’ordinanza dell’Unione Europea che fissa a 10 microgrammi per litro il limite massimo di arsenico consentito nelle acque potabili. I Comuni ancora coinvolti sono 11 nella Provincia di Roma, 8 in Provincia di Latina e 38 in Provincia di Viterbo. Viterbo, il territorio più colpito, ha tenuto a inizio aprile un Consiglio provinciale straordinario per affrontare l’argomento e ieri il Presidente della Provincia, Marcello Meroi, e l’Assessore all’Ambiente, Paolo Equitani, hanno inoltrato al presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, la richiesta di un incontro per discutere l’emergenza.
“Restiamo convinti - hanno scritto i vertici provinciali - che per scongiurare l’emergenza arsenico serva l’impegno di tutti, attraverso l’assunzione di responsabilità dirette, relegando all’Ato il controllo e la verifica degli impianti tradizionali o degli eventuali interventi alternativi che si dovessero rendere necessari”. “La Regione – hanno aggiunto Meroi ed Equitani – dal canto suo dovrebbe intervenire trasferendo ai Comuni le somme messe a disposizione dal Ministero. Questa proposta è stata anche sottoposta all’attenzione dell’assessore regionale all’Ambiente Marco Mattei a margine della recente seduta del Consiglio provinciale straordinario”. Il problema, a Viterbo, riguarda anche il carcere di Mammagialla dove, secondo una denuncia del Garante dei detenuti, il valore di arsenico lo scorso settembre era pari a a 43 milligrammi per litro, ben quattro volte il valore europeo di 10 mg e due volte la deroga italiana di 20 mg. (www.agenparl.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com