EVENTI

Zafferano a rischio contraffazione, servono più controlli sulle importazioni 

Lo zafferano è una spezia tradizionalmente coltivata in Italia, che unisce alle peculiari qualità organolettiche una tecnica colturale antica, caratterizzata dalla necessità di un grande utilizzo di manodopera. Per produrre 1 chilo di zafferano essiccato occorre  la raccolta di circa 150.000 fiori, da cui si prelevano i tre stimmi che vengono poi tostati. 
La produzione di un intero ettaro è pari a circa 10-15kg di zafferano, ma solitamente gli appezzamenti sono di piccole dimensioni. Questo prodotto ha una grande reputazione e l’Ue ha riconosciuto ben tre denominazioni di origine protetta, lo Zafferano dell’Aquila, lo Zafferano di San Giminiano e lo Zafferano di Sardegna, ma numerose sono le regioni in cui si coltiva la preziosa spezia.
Secondo i dati dell’Associazione Zafferano Italiano, la superficie italiana coltivata a zafferano sarebbe pari a circa 55 ettari, per una produzione attorno ai 600 chilogrammi. Purtroppo anche lo zafferano italiano è oggetto di contraffazione, basti pensare che le importazioni di prodotto dall’estero sono state, nel corso del 2011, pari a 18.432 chilogrammi.
Questa enorme differenza tra le quantità prodotte in Italia e le quantità importate è alla base del forte rischio di “italianizzazione” del prodotto di importazione. Coldiretti chiede quindi più controlli, per garantire i consumatori e i produttori del vero zafferano nazionale evitando che il prodotto di importazione venga spacciato per italiano. (www.coldiretti.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com