QUALITA'

I falsi vini in polvere del Regno Unito
Manzato: scandalo internazionale da reprimere a norma di legge

“Era ora che venisse reso di dominio pubblico lo scandalo internazionale dei cosiddetti “vini” fai da te con nomi di prodotti DOC, commercializzati nel Regno Unito, Paese oltretutto membro dell’Unione Europea”. Franco Manzato, assessore all’agricoltura del Veneto, ringrazia Striscia la Notizia per il servizio di ieri sera sui kit fai da te venduti in Gran Bretagna per ottenere beveroni chiamati “vino”. “Chiedere alle autorità britanniche e comunitarie di intervenire subito e duramente per reprimere il commercio di prodotti alimentari falsi in ogni senso, frutto di polverine e chimica, è il minimo. L’auspicio è che finalmente si faccia, perché è nota da tempo questa moda, diciamo così, di mettere in commercio scatoloni dal quale ottenere bevande che qualcuno ha la spudoratezza di chiamare vini. E’ un insulto a chi produce i veri vini e non mi stupirei che fosse anche un attentato alla salute dei consumatori”.
“Mi piacerebbe che fosse lo stesso Monti, già commissario europeo per la concorrenza – dice ancora Manzato – a sollevare il problema nelle giuste sedi, perché altrimenti verrebbe da dire che le norme e le tutele dell’Unione Europea valgono solo a senso unico e non ci difendono affatto dal commercio illegale e dai tarocchi”.
“Per quanto mi riguarda – conclude l’assessore – sarà mia premura mandare i migliori vini veneti ai conduttori e all’inviato di Striscia, per convincerli, prendendoli per la gola come Dio comanda, a superare il senso di schifo che viene a guardare certe scene”.

Ufficio Stampa
Regine del Veneto
Giunta Regionale


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com