QUALITA'

Made in Italy : Coldiretti, 60% ha paura di contraffazioni a tavola

Le frodi a tavola sono quelle più temute dagli italiani con sei cittadini su dieci (60 per cento) che le considerano più gravi di quelle fiscali e degli scandali finanziari, poiché possono avere effetti sulla salute. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Swg in occasione della seconda Giornata nazionale anticontraffazione durante la quale è stata messa a segno l’importante operazione della Guardia di Finanza che ha portato al sequestro di prodotti che sarebbero stati distribuiti con etichetta “biologico” provenienti da Paesi terzi come la Romania e destinati ad altro tipo di alimentazione o semplicemente frutto di coltivazioni normali. Secondo il primo Rapporto sui crimini agroalimentari in Italia realizzata da Coldiretti e Eurispes il volume d’affari delle agromafie, ovvero delle attività della criminalità organizzata nel settore agroalimentare, ammonta oggi a 12,5 miliardi di euro (il 5,6% dell’intero business criminale). Spesso la criminalità si avvantaggia della mancanza di trasparenza nei flussi commerciali e nell’informazione ai consumatori. In questa situazione c’è spazio per comportamenti illeciti dagli effetti gravissimi sia per la salute delle persone che per l’attività economica delle imprese. Per questo anche alla luce dell’aumento record del 49 per cento delle importazioni di prodotti biologici, che nel 2010 hanno raggiunto addirittura quasi i 74 milioni di chili, è importante –sostiene la Coldiretti - introdurre al piu’ presto il marchio per il biologico italiano. I rischi peraltro crescono con l’allungarsi della filiera e l’aumento degli intermediari che si frappongono tra produttore e consumatore perché nei troppi passaggi si infiltra la criminalità che fa aumentare i prezzi e riduce la qualità. Acquistare direttamente dai produttori agricoli o nelle botteghe e mercati degli agricoltori di campagna amica è - conclude la Coldiretti - una garanzia ulteriore anche perché si tagliano le intermediazioni e si migliora il rapporto prezzo/qualità. (www.coldiretti.it)


Torna all'indice di ASA-Press.com