QUALITA'

Per il regolamento sul vino biologico siglato dal Mipaaf un documento comune con la Spagna
Si chiede alla Commissione Ue di modificare la proposta di regolamento sul vino biologico attualmente in discussione a Bruxelles

È stata inviata alla Commissione Ue una nota congiunta dei ministeri dell’Agricoltura italiano e spagnolo per chiedere di modificare la proposta di regolamento sul vino biologico attualmente in discussione a Bruxelles. Per quanto riguarda l’uso dell’anidride solforosa, l’Italia e la Spagna chiedono di legare il quantitativo utilizzabile alla categoria di appartenenza del vino (determinate in base al contenuto di zucchero) piuttosto che in funzione delle diverse zone vitivinicole individuate dall’Ocm vino. La proposta italiana e spagnola, ampiamente condivisa dalle rappresentanze dei produttori biologici europei, garantirebbe, anche per il vino, una uguale applicazione delle norme in tutto il territorio dell’Unione, senza nessuna disparità di trattamento tra produttori di aree geografiche differenti.
Nella proposta congiunta italo spagnola, inoltre viene richiesto di eliminare le limitazioni previste per l’uso delle resine a scambio ionico, di consentire la tecnica della desolforazione per la produzione dei mosti concentrati e concentrati rettificati, nonché l’inserimento, tra i prodotti ammissibili per la produzione di vino biologico del lisozima e del sorbato di potassio.
La proposta di regolamento della Commissione sulla vinificazione biologica, anche a seguito delle richieste italiane e spagnole, non è ancora stata messa in votazione ed è tuttora al vaglio degli uffici della Commissione. (www.aiol.it)


Torna all'indice di ASA-Press.com