QUALITA'

Carni, dall'Europarlamento ok ad etichetta unica
Bruxelles rafforza la tutela dei consumatori


Il Parlamento europeo ha varato una nuova e ampia etichetta per i prodotti alimentari europei che estende alle carni l'obbligo di indicare il paese d'origine del prodotto e che rafforza, con numerose misure, i diritti all'informazione e alla trasparenza dei 500 milioni di consumatori europei. Sarà inoltre obbligatorio indicare, nei prodotti trasformati, la presenza di 14 allergeni e l'origine degli ingredienti principali.
Il via libera definitivo del Parlamento europeo giunge dopo otto anni dalla prima proposta della Commissione Ue. Il compromesso è stato raggiunto dopo un duro confronto a livello europeo dove tutte le istituzioni Ue hanno dovuto fare un passo indietro.
L'etichetta delle carni made in Ue sarà più leggibile, più precisa e facile da comprendere e non dovrà contenere espressioni ingannevoli sui prodotti. Tra i punti salienti: l'obbligo di indicare il Paese d'origine dalla fettina di carne viene esteso dal manzo al suino, all'agnello e al pollame, ma non al coniglio. Il consumatore potrà trovare sull'etichetta i valori energetici e nutrizionali degli alimenti che acquista, ma anche l'indicazione di allergeni e l'indicazione di eventuali aggiunte di acqua per la pesce o il pollo.
Il prossimo passo sarà l'imprimatur formale del Consiglio Ue. Dopodiché gli Stati membri avranno tre anni per mettere in atto le nuove regole che dovrebbero diventare operative a fine 2014. (www.tgcom.mediaset.it)



Torna all'indice di ASA-Press.com