IN PRIMO PIANO

Crisi: l’agroalimentare “made in Italy” è ormai terra di conquista. Mani straniere su un patrimonio da 210 miliardi di euro
La Cia commenta i dati allarmanti contenuti nella Relazione al Parlamento dei servizi segreti. La crisi economica rischia di accentuare le acquisizioni oltre confine dei marchi italiani. Indispensabili nuove politiche che pongano un freno a questa emorragia e tutelino un grande patrimonio del nostro Paese.
 

L’agroalimentare italiano è sempre più terra di conquista straniera. Negli ultimi anni sono passati oltre confine marchi storici del nostro Paese: dalla Parmalat alla Bertolli, dalla Buitoni alla Perugina, dalla Galbani alla Carapelli, dall’Invernizzi alla Locatelli, alla Cademartori. E così le multinazionali finiscono per mettere mano su un patrimonio di 210 miliardi di euro l’anno. E’ quanto denuncia la Cia-Confederazione italiana agricoltori a commento della Relazione dei servizi segreti al Parlamento che evidenzia il rafforzamento, soprattutto a causa della difficile congiuntura che sta vivendo il nostro sistema economico-produttivo, dell’azione “aggressiva di gruppi esteri” che puntano a acquisire “patrimoni industriali, tecnologici e scientifici nazionali”, nonché ''marchi storici del “made in Italy”, a detrimento della competitività delle nostre imprese strategiche”.
D’altra parte, proprio la crisi economica -afferma la Cia- rende più vulnerabili le nostre imprese agroalimentari che sono così prese di mira da gruppi stranieri che mettono in atto particolari manovre di acquisizione per scippare dei marchi e conquistare sempre più spazio nel settore. E i danni sono evidenti soprattutto per i nostri agricoltori, che vedono ridurre le vendite in quanto l’approvvigionamento di queste società è rivolto ad altri mercati. In questo modo il “made in Italy” s’impoverisce, visto che ormai le multinazionali controllano oltre il 70 per cento dei prodotti che finiscono sulle nostre tavole.
La Relazione dei servizi segreti -aggiunge la Cia- ha messo il dito nella piaga, evidenziando una situazione sempre più difficile che ora la crisi economica rischia di far divenire drammatica.
L’agroalimentare italiano -ribadisce la Cia- è strategico e deve essere tutelato. Non si può continuare ad assistere passivamente all’assalto dello straniero che in questo importante settore è diventato un indisturbato conquistatore.
Non vogliamo essere tacciati per nazionalisti o per protezionisti, ma non si può permettere che il “made in Italy” agroalimentare finisca totalmente in mani estere. Bisogna -rimarca la Cia- porre un freno. Ci vogliono regole chiare. Ecco perché insistiamo sull’esigenza di un serio e concreto intervento che impedisca scalate attraverso le quali si rischia di mettere sotto controllo un comparto fondamentale per il nostro sistema economico che, oltre a determinare una spesa complessiva che supera i 210 miliardi di euro l’anno, registra un export che si avvicina ai 30 miliardi di euro. (www.cia.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com