IN PRIMO PIANO

Nel 2012 registrato il maggior calo di consumi dal dopoguerra (-4%)

Il 2012 fa segnare la più ampia contrazione dal dopoguerra (-4%) dei consumi delle famiglie e il 2013 si stima faccia segnare un ulteriore -1,3%. Dopo sei anni di crisi, i consumi degli italiani torneranno in media indietro di ben 17 anni: ai livelli del 1996. Rimarranno in grande difficoltà gli alimentari (la spesa deflazionata procapite piu' bassa dagli anni '60).
Sono i dati e le previsioni di Coop, la prima catena della grande distribuzione in Italia all'indomani delle festività desumibili dal Rapporto Coop "Consumi & Distribuzione", redatto in collaborazione con Ref Ricerche e Nielsen. In arretramento anche i viaggi (1994) e la ristorazione (1999). A causa del forte aumento dei prezzi non cambia invece significativamente la spesa per carburanti, utenze, mutui e affitti.
Inattesa vitalità delle vendite della grande distribuzione sotto l'albero: dopo mesi di gelata dei consumi e di un inizio dicembre molto difficile, le famiglie hanno concentrato gli acquisti di cibo e regali in iper e discount nell'ultimissimo scorcio d'anno (+5% nelle ultime 2 settimane).
Il 2012 si chiude con una flessione del Pil quantificabile in un 2,2% ma con un impatto ben più profondo sui redditi delle famiglie e la più ampia riduzione dei consumi dal dopoguerra. L'aggiustamento dei conti pubblici (il debito sfiora il 127% del Pil) la crescita della disoccupazione (oltre il 12%) e il ritorno dell'inflazione (+3% nel 2012) hanno obbligato le famiglie a ridurre la spesa del 4% rispetto all'anno precedente (al netto dell'inflazione).
I consumi degli italiani si sono invece dovuti concentrare sulle spese obbligate (carburanti, utenze, affitti, mutui) che infatti non sono stati toccati dalla crisi e continuano la loro crescita. In questo contesto gli acquisti del largo consumo del 2012 hanno sofferto particolarmente e le vendite della grande distribuzione italiana hanno fatto segnare un andamento negativo (-0,7% a parità di rete e a valori correnti) che ha penalizzato particolarmente gli esercizi piu' piccoli (libero servizio -2,3%) e quelli piu' grandi (Iper>2.500 -1,6%) e premiato ancora una volta i discount (+4,6%).
Dal quadro dipinto a tinte fosche degli ultimi mesi si è in parte distinto il mese di dicembre che ha chiuso lievemente sopra i livelli dell'anno precedente. Le prime due settimane del mese, in concomitanza con il pagamento dell'Imu, avevano fatto registrare una brusca frenata (- 4% a parità di rete), mentre gli acquisti delle festività proprio a ridosso di Natale e Capodanno hanno fatto segnare un inatteso progresso tanto che le vendite della grande distribuzione sono cresciute di oltre il 5%.
"I consumi sono diminuiti quattro volte di più di quanto è calata la spesa pubblica e la vera spending review in Italia le famiglie l'hanno fatta a casa propria riducendo gli sprechi e il superfluo anche negli acquisti di Natale -sostiene Albino Russo, responsabile dell'Ufficio Studi Economici di Ancc-Coop (l'associazione nazionale delle cooperative di consumatori) che cura il rapporto annuale "Consumi & Distribuzione".
"Senza possibilità di andare in vacanza - o anche al solo ristorante - gli italiani si sono rivolti alla grande distribuzione per allestire la tavola delle festività e fare i piccoli regali di famiglia. Premiando però soprattutto i formati più economici e convenienti. Nelle ultime due settimane dell'anno infatti fanno segnare un incremento le vendite dei discount (+9% sul 2011) e soprattutto dei formati maggiori -grandi supermercati e ipermercati- (+8%) che in maniera anche un po' sorprendente danno segni di rinnovata vitalità dopo un periodo difficile". (www.corriereortofrutticolo.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com