IN PRIMO PIANO

Vespucci a caccia plastica nel Mediterraneo
Marina militare e Università di Siena per tutela mare

Marina militare e Università di Siena insieme per la tutela del mare nel Progetto 'Plastic buster': i ricercatori dell'università toscana infatti si imbarcheranno sulla nave 'Vespucci' per iniziare a monitorare e quantificare la presenza di plastica e derivati nel tratto di mare compreso tra Livorno e il porto di Tolone in Francia. Si tratta dell'anteprima del progetto che non a caso è stato presentato oggi a bordo della nave scuola della Marina, attraccata in banchina nel porto Mediceo di Livorno.
''Abbiamo appena concluso la campagna di istruzione per i nostri allievi - ha detto il comandante del 'Vespucci' Curzio Pacifici - domani partiremo per Tolone per partecipare alla 'Mediterranean tall ship regatta', e ora siamo qua a dare il via a questo progetto per la salvaguardia dell'ambiente''. Entra così nel vivo il progetto di monitoraggio ambientale delle macro e micro plastiche che inquinano il mar Mediterraneo. ''Il progetto 'Plastic busters' mira a campionamenti e verifiche dello stato di salute del nostro mare sulle plastiche - ha spiegato il rettore dell'università di Siena Angelo Riccaboni - e fa parte della rete 'Med solutions', coordinata dal nostro ateneo all'interno del network mondiale dell'Onu sullo sviluppo sostenibile: un atto di diplomazia scientifica e culturale che siamo orgogliosi di cominciare con la Marina militare''. La prima fase della mappatura a bordo del Vespucci si concluderà venerdì, ma proseguirà a novembre su altre due unità della Marina, nave 'Magnaghi' e 'Galatea'. ''Il nostro obiettivo non è solo quello di monitorare e campionare le micro e macroplastiche presenti nell'ambiente marino - ha concluso la coordinatrice del progetto professoressa Maria Cristina Fossi - ma anche di valutarne gli effetti sulle specie viventi. Una di queste è la 'Caretta caretta': nello stomaco di un solo esemplare che abbiamo ripescato sulle coste toscane abbiamo trovato 150 pezzi di plastica. La nostra ricerca servirà a capire quali sono le aree marine e le specie più colpite e fornire al legislatore internazionale gli strumenti per limitare il fenomeno''. (www.ansa.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com