IN PRIMO PIANO

Maltempo: Cia, danni al Nord e raccolta ritardata fino a 30 giorni

Le temperature ancora inferiori alla media continuano a tenere a freno i tempi di maturazione delle coltivazioni nei campi, facendo prevedere dei ritardi di raccolta che nelle regioni settentrionali arrivano fino ai trenta giorni. Lo afferma la Cia (Confederazione italiana agricoltori) in una nota, in cui specifica che questo stravolgimento del calendario agricolo si ripercuote anche sui tempi di assunzione della manodopera dei lavoratori stagionali, impiegati in questo periodo soprattutto nella raccolta della frutta e verdura: dalle pesche ai pomodori, dalle albicocche ai meloni e alle susine.
Tutte operazioni - sottolinea la Cia - che nelle campagne del Sud si stanno svolgendo piuttosto regolarmente, facendo prevedere buone performance in qualità e quantità soprattutto per i cereali, mentre nel Centro-Nord i danni consistenti causati dal maltempo, che ha compromesso il normale svolgimento delle attività agricole soprattutto a marzo e a maggio, fanno prevedere importanti cali di produzione soprattutto per mais e soia (fino al -40 per cento), per l'ortofrutta (fino al -15 per cento), per le foraggere (-30 per cento) e per il riso (-20 per cento).
A marzo, il mese delle semine, nelle regioni del Nord è scesa il 102 per cento di pioggia in più -ricorda la Cia- rendendo impossibile in molti casi ai produttori l'accesso in campo con i macchinari agricoli. Un'altra fase fortemente anomala è stata registrata nel mese di maggio, quando sempre nelle regioni settentrionali è caduta il 50 per cento di pioggia in più rispetto alle medie stagionali. Anche in questo caso si tratta di un mese decisivo per l'agricoltura, visto che coincide con la fase di maturazione di gran parte della frutta estiva, ma anche delle foraggere e dei cereali. (www.asca.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com