IN PRIMO PIANO

Fao, possibile -30% CO2 da allevamenti
Settore responsabile del 14,5% gas serra prodotti dall'uomo

Con un impiego più diffuso di pratiche già esistenti e di tecnologie più efficienti, si potrebbero tagliare ben del 30% le emissioni di gas serra prodotte attualmente dal settore zootecnico. Lo sostiene lo studio ''Affrontare il cambiamento climatico attraverso il bestiame'', pubblicato oggi dalla Fao.
Nel complesso i gas a effetto serra associati alla filiera produttiva zootecnica sono responsabili fino a 7,1 gigatonnellate di anidride carbonica equivalente l'anno, pari al 14,5% di tutte le emissioni di gas serra prodotte dagli esseri umani. La principale fonte di emissione è la produzione e la lavorazione dei mangimi (45% del totale), seguita dal processo digestivo delle mucche (39%) e dalla decomposizione del letame (10%). Il resto è imputabile al trattamento e trasporto dei prodotti animali.
Stando allo studio, per tagliare la CO2 basterebbe un uso più ampio delle migliori pratiche e tecnologie già esistenti per l'alimentazione, la salute e l'allevamento animale, per la gestione del letame, e un maggior impiego delle tecnologie attualmente sottoutilizzate come i generatori di biogas e i dispositivi di risparmio energetico. (www.ansa.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com