IN PRIMO PIANO

Maltempo: Cia, bloccate 100 mila tonnellate frutta, verdura e carne

Per l'agricoltura è sempre emergenza maltempo. Centomila tonnellate di frutta, verdura e carne sono bloccate nelle aziende agricole a causa della paralisi del traffico pesante per l'impossibilità di circolare in molti tratti autostradali e di raggiungere alcuni centri rurali. Al momento risultato isolate cinquemila imprese, in quanto le vie di campagne sono coperte da una notevole coltre di neve e di ghiaccio. Praticamente fermo il trasporto di latte. Più di 70 mila litri sono rimaste nelle stalle e se la situazione non migliora nei prossimi giorni rischiano di andare, in grande parte, distrutti. Ormai i danni per l'intero sistema agroalimentare italiano (dal campo ai trasporti, al dettaglio) superano i 500 milioni di euro. Più di 50 milioni di euro al giorno. E' quanto sostiene la Confederazione italiana agricoltori in base ai dati (ancora provvisori) raccolti attraverso un monitoraggio effettuato a livello territoriale e regionale.
''Tutte le regioni - afferma la Cia - risultano colpite, ma le situazioni più critiche si riscontrano in Emilia Romagna, Marche, Toscana, Abruzzo, Molise, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. L'agricoltura è stata devastata. Un terzo delle coltivazioni di ortaggi (cavolfiori, radicchio, carciofi, indivia, cicoria) è andato completamente distrutto dal gelo; mentre il 15 per cento delle aziende agricole ha subito, a causa di neve, ghiaccio e anche per la mancanza di energia elettrica che si è protratta per giorni, danneggiamenti alle strutture (serre, cascine, stalle, magazzini) e ai macchinari (trattori, pompe idrauliche, meccanismi per la mungitura e per la distribuzione del mangime, gruppi elettrogeni). Le temperature sotto zero hanno ghiacciato anche le tubazioni che portano l'acqua agli animali e hanno messo fuori uso gli abbeveratoi semiautomatici. E il gran freddo ha fatto lievitare i consumi del gasolio agricolo, con picchi del 30 per cento in più rispetto allo stesso mese dell'anno passato''.
Secondo i dati raccolti finora dalla Cia, in dieci giorni di maltempo circa 50 mila imprese agricole sono rimaste 'paralizzate', in quanto impossibilitate a raccogliere i prodotti sui campi e a trasportare le produzioni ai mercati; mentre più 8 mila hanno dovuto operare per giorni senza corrente elettrica ed acqua.
(com-dab/vlm/ss – www.asca.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com