IN PRIMO PIANO

Macellazioni di carne bovina in continuo calo
Sulla suinicoltura e avicoltura si abbattono i costi delle nuove direttive Ue sul benessere animale. Bettini (Fedagri): “Le nuove direttive comunitarie sul benessere animale destano preoccupazioni. Nel comparto suinicolo si rischia la chiusura di almeno un terzo delle strutture imprenditoriali produttive che dovranno sostenere costi insostenibili che si aggireranno sui 700 euro/capo”

“È in continua diminuzione in Italia il trend delle macellazioni a seguito della riduzione degli allevamenti, complice il calo del consumo di carne, in particolare bovina, ed una forte pressione competitiva da parte dei Paesi Terzi. A lanciare l’allarme è il Presidente del Comitato del Settore Zootecnico di Fedagri-Confcooperative Giovanni Bettini, per il quale “il settore della zootecnia è oggi estremamente vulnerabile a causa di squilibri tra domanda ed offerta, aumento dei costi di produzione e di oneri burocratici, oltre che per via di una inefficace organizzazione economica del prodotto”.
Secondo Fedagri, è necessario adottare politiche di settore in grado di affrontare in modo organico tutti i fattori della filiera. “Appaiono indispensabili – spiega Bettini - opportuni interventi, sia a livello comunitario che nazionale, in grado di favorire un adeguato supporto economico e di programmazione, per garantire concentrazione dell’offerta, competitività, salvaguardia del reddito, stabilità dei mercati, centralità dell’impresa agricola e cooperativa”.
In tale contesto non possono non  destare estrema preoccupazione  le ulteriori difficoltà tecniche ed economiche legate all’adeguamento del benessere animale previsto dalle direttive comunitarie nei comparti avicolo e suinicolo. “La mancanza di adeguate soluzioni di supporto a tale problema – spiega Bettini - potrebbe comportare la chiusura, in particolare nel comparto suinicolo, di almeno un terzo delle strutture imprenditoriali produttive che, per l’applicazione della direttiva, dovranno pagare costi insostenibili che si aggireranno sui 700 euro/capo, con grave danno economico e sociale per l’economia del Paese”.
Pur esprimendo compiacimento per la volontà espressa dal MIPAAF relativamente alla adozione di misure volte a rendere meno oneroso l’adeguamento, Fedagri esprime forti preoccupazioni circa la reale efficacia degli strumenti individuati, quali il Programma di sviluppo rurale e le garanzie ISMEA, sia perché la programmazione dei PSR è nella fase conclusiva e quindi le risorse a disposizione sono molto limitate, sia perché nell’attuale fase del ciclo economico l’accesso al credito per investimenti che non portano un effettivo sviluppo d’impresa, come nel caso dell’adeguamento richiesto dalla direttiva, risulta estremamente difficoltoso, indipendentemente dall’utilizzo delle garanzie.
Non esistono quindi, secondo Fedagri, soluzioni idonee se non quella di rivedere con maggiore gradualità l’applicazione della direttiva, per non aggravare ulteriormente la situazione nella filiera della produzione suinicola per le DOP, anche in considerazione del recente evento sismico che ha colpito province a forte vocazione suinicola.

Ufficio Stampa Fedagri – Confcooperative
Alina Fiordellisi
Tel. 06 46978202
fiordellisi.a@confcooperative.it

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com