IN PRIMO PIANO

La buona notizia: campi irrigati nelle zone terremotate
Massimo Gargano (Presidente A.N.B.I.): “è un risultato eccezionale a garanzia delle eccellenze agroalimentari italiane ed ulteriore prova dell’efficienza del sistema dei consorzi di bonifica”

Riprenderà questo fine settimana la distribuzione di acqua per irrigazione anche nei campi serviti dalla centrale idraulica di Mondine, nel mantovano, disastrata dalle scosse telluriche dei giorni scorsi; per evitare un ulteriore, gravissimo danno all’agricoltura, è stato costruito (a tempo di record ed a completo carico anche finanziario del Consorzio di bonifica Emilia Centrale) un nuovo impianto di pompaggio, ubicato un centinaio di metri a monte di quello oggi impraticabile: “disseterà” 26.000 ettari di territorio, irrorandolo con 20.000 litri d’acqua al secondo.
“E’ un intervento straordinario – commenta Massimo Gargano, Presidente A.N.B.I. (Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni – che testimonia, una volta di più, la grande capacità operativa degli enti di autogoverno del territorio, in grado di dare risposte concrete, in pochi giorni anche in condizioni difficili, alle esigenze della comunità.”
Analoghe situazioni si stanno registrando nei comprensori terremotati di Lombardia ed Emilia Romagna, idraulicamente gestiti dai Consorzi di bonifica “Terre dei Gonzaga” (Mantova) e “Burana” (Modena). Nel primo, dopo gli iniziali momenti di disagio, è tornata efficiente l’irrigazione a servizio di 20.000 ettari in “Destra Po”.
Diversa è la situazione della rete irrigua dell’ente consortile della Burana che, nonostante le gravi lesioni riportate dalle strutture, è comunque riuscito a riattivare le centrali “Ubertosa”, “Concordia Sud” e “Sabbioncello”, distribuendo acqua a 300.000 ettari grazie ad una rete di canali lunga 2.300 chilometri.
“Va però sottolineato – conclude Gargano – che resta aperta la questione del ripristino statico degli immobili: la loro agibilità è ora garantita solo attraverso interventi provvisori a tutela dell’incolumità dei lavoratori; questi stanno operando, con assoluta abnegazione, in condizioni di grande precarietà per garantire le produzioni in zone, emblema del made in Italy agroalimentare e dove si realizza il 2% del P.I.L. italiano. Servono, però, urgenti stanziamenti per il consolidamento o la ricostruzione delle strutture idrauliche danneggiate non solo per la distribuzione dell’acqua ad uso agricolo, ma anche per la salvaguardia idraulica del territorio; da soli, i consorzi di bonifica non ne hanno le risorse necessarie. Ricordiamoci che, se il terremoto speriamo sia alle spalle, all’orizzonte abbiamo la stagione autunnale con tutte le incertezze meteorologiche, che i cambiamenti climatici hanno accentuato.” (www.anbi.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com