IN PRIMO PIANO

I costi sociali di obesità e sedentarietà toccano i 65 miliardi l’anno. Incentivare il consumo di ortofrutta
La Cia, in occasione della Giornata di sensibilizzazione su sovrappeso e salute, sottolinea il valore di una corretta alimentazione. Bisogna puntare sull’educazione dei più giovani per invertire la rotta: oggi il 22 per cento dei genitori dichiara che i propri figli non mangiano quotidianamente frutta e verdura.
 
Per combattere i problemi legati a sovrappeso e obesità bisogna incentivare il consumo di ortofrutta, che nell’ultimo anno è calato del 2,6 per cento. Non è solo una questione “commerciale”, si tratta anche di una questione di “salute pubblica”. Perché l’obesità è in aumento, in particolare quella infantile, e oggi ben il 22 per cento dei genitori dichiara che i propri figli non mangiano frutta e verdura quotidianamente. E invece proprio mele, arance e ortaggi rappresentano uno degli strumenti più efficaci per ridurre i rischi connessi alle patologie del benessere e alle disfunzioni nutrizionali. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in occasione dell’Obesity day.
E’ necessario frenare il progressivo abbandono dei principi della dieta mediterranea a favore del consumo di “junk food” da parte dei più piccoli e investire di più su una cultura alimentare che privilegi l’ortofrutta in un’ottica di prevenzione e tutela della salute. D’altronde -ricorda la Cia- già ora i costi sociali di obesità e sedentarietà toccano, in Italia, i 65 miliardi di euro all’anno: lo 0,38 per cento del Pil. Non solo. Ormai nel Paese circa il 12 per cento dei bambini è obeso e nella fascia d’età tra i 6 e gli 11 anni ben uno su tre è in sovrappeso.
Per questo diventa sempre più chiaro come oggi occorra incoraggiare, sostenere e promuovere un’alimentazione sana e corretta -conclude la Cia- con campagne mirate di informazione ed educazione, come “frutta nelle scuole”, estendendo il modello anche alle famiglie e puntando sull’appeal di quegli ortofrutticoli che già oggi regnano incontrastati sulle tavole degli italiani. Ovvero la mela (825mila tonnellate vendute ogni anno) e l’arancia (605mila), la patata (722mila tonnellate) e il pomodoro (575mila). (www.cia.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com