IN PRIMO PIANO

Emergenza caldo
Compromessa la produzione di pomodoro al sud, con rese del -20/25%. Mercuri (Fedagri): “Negli ultimi dieci giorni di giugno raggiunte temperature di gran lunga superiori a quelle ottimali che hanno causato una scarsa produzione di frutti”

Le temperature molto elevate registrate negli ultimi giorni nell’Italia meridionale stanno compromettendo la produzione del pomodoro, in particolare nell’area produttiva del Tavoliere delle Puglie. Lo denuncia il presidente di Confcooperative Foggia e vice presidente nazionale di Fedagri-Confcooperative, Giorgio Mercuri. Il pomodoro, spiega Mercuri, “è una pianta con notevoli esigenze termiche: per la fioritura occorre una temperatura minima di 20 C°, che sale a 25-28C° per le fasi di crescita e sviluppo dei frutti. In presenza di temperature superiori, la pianta di pomodoro continua a crescere, ma con una ridotta produzione di frutti”.
“I danni stimati fanno prevedere oggi una riduzione di resa che supera il 20/25 per cento”, spiega Mercuri. “Negli ultimi dieci giorni di giugno si sono raggiunte temperature di gran lunga superiori a quelle ottimali, che hanno provocato una scarsissima allegagione ed un eccesso di marciume apicale ai piccoli frutti di pomodoro. Se le temperature nei prossimi giorni dovessero raggiungere ancora i 40 gradi, i danni potrebbero notevolmente aumentare”.
Insieme all’emergenza caldo, a compromettere la produzione c’è anche la carenza idrica dovuta alla riduzione di rese delle falde dei pozzi artesiani nelle zone non fornite dal Consorzio di Bonifica di Capitanata. “Quella che sembrava essere una campagna di abbondanza di pomodoro – conclude Mercuri - sta per diventare la campagna meno produttiva per la Provincia di Foggia”.

Ufficio Stampa Fedagri – Confcooperative
Alina Fiordellisi
Tel. 06 46978202
+ 39 3803996627
fiordellisi.a@confcooperative.it



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com