IN PRIMO PIANO

Stop alla biopirateria ! 
L'attuale legislazione favorisce le aziende a discapito del sapere tradizionale e delle comunità locali. L'UE deve adottare il Protocollo di Nagoya sull’Accesso alle Risorse Genetiche e l’equa condivisione dei benefici

La pervinca del Madagascar è stata utilizzata dalla medicina tradizionale da secoli. Oggi viene usata per curare la leucemia. Le piante con proprietà terapeutiche sono sempre di più e vengono utilizzate nel campo della ricerca medica. Le risorse biologiche sono sottratte alle comunità locali o indigene e poi brevettate, mentre i profitti generati non vengono ripartiti equamente. L'UE vuole combattere questo fenomeno. La biopirateria.
Non esistono statistiche chiare sulla biopirateria e l'appropriazione indebita delle risorse genetiche, ma negli ultimi 20 anni si sono verificati numerosi casi: per esempio il fagiolo giallo "enola", l'hoodia, il rooibos e il nem. La lotta alla biopirateria rappresenta quindi un'importante sfida che l'UE deve affrontare: queste pratiche sono infatti contrarie agli impegni assunti per l'eliminazione della povertà e la protezione della biodiversità, oltre che al principio di coerenza delle politiche per lo sviluppo sancito del trattato di Lisbona. 
Lo squilibrio tra i fornitori e gli utilizzatori delle risorse genetiche ha fatto emergere, a livello mondiale, la questione dell'accesso alle risorse genetiche e della ripartizione dei benefici che esse generano. In questo contesto la Convenzione sulla diversità biologica
(1992) svolge un ruolo di primissimo piano e si distingue notevolmente da altri trattati in materia ambientale poiché nel suo impianto i concetti di giustizia ed equità svolgono un ruolo esplicito ed essenziale.
E il problema si pone non solo in ambito medico, ma anche per quanto riguarda le nuove varietà di frutta e verdura. L'attuale legislazione favorisce le aziende a discapito del sapere tradizionale e delle comunità locali.

COSA SI PUÒ FARE?
La relazione della deputata francese dei Verdi, Catherine Grèze vuole assicurare che i paesi in via di sviluppo possano beneficiare delle proprie risorse genetiche e del proprio sapere tradizionale.

Ecco le proposte principali:
l'UE deve adottare il Protocollo di Nagoya sull’Accesso alle Risorse Genetiche e l’equa condivisione dei benefici derivanti dal loro utilizzo 
introdurre un nuovo quadro legale per garantire che le domande dei brevetti contengano l'origine di qualsiasi risorsa genetica e delle conoscenze tradizionali
sostenere i paesi in via di sviluppo nella creazione di istituzioni capaci di difendere le risorse genetiche locali. (www.europarl.europa.eu)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com