IN PRIMO PIANO

Ue: bilancio 2014-2020, per agricoltura -25,5 mld
Fonti commissione: ''un disastro, rischio rinazionalizzazione''

Un taglio dei fondi per la politica agricola comune (Pac) pari a 25,5 miliardi per il periodo 2014-2020: è quanto prevede l'ultima bozza di bilancio pluriennale rispetto a quanto proposto della Commissione. Fonti dell'esecutivo comunitario parlano di ''disastro'' per la Pac e di ''rischio rinazionalizzazione'. L'agricoltura italiana rischia di perdere complessivamente 4,5 miliardi di euro a causa dei tagli previsti nell'ultima proposta di bilancio Ue 2014-2020.
Secondo quanto appreso dall'Ansa l'Italia potrebbe perdere oltre 2,5 miliardi di aiuti diretti ai produttori e 2 miliardi di fondi per lo sviluppo rurale. Causa i tagli previsti dalla bozza sul bilancio pluriennale 2014-2020, presentata dal presidente permanente del Consiglio, Herman Van Rompuy, spiegano all'ANSA fonti della Commissione Ue, ''l'Italia rischia quindi di perdere - in termini reali e rispetto al 2013 - l'8,9% sugli aiuti diretti Ue ai produttori italiani, e il 18,7% dei finanziamenti per lo sviluppo delle sue aree rurali''. In realtà i finanziamenti per la politica agricola comune (Pac) 2014-2020, sono a rischio per tutti i 27 Stati membri. Infatti, la perdita media Ue - in termini reali -degli aiuti diretti agli agricoltori è stata calcolata al 6,1%, mentre la perdita media Ue sui fondi destinati allo sviluppo delle campagne al 19,6%.
Proprio in relazione alla diversità di intervento nei confronti dei cosiddetti due 'pilastri' della Pac (ossia gli aiuti diretti ai produttori e i fondi per lo sviluppo rurale) il Rappresentante permanente italiano presso l'Ue, Ferdinando Nelli Feroci, ha tenuto  a precisare: ''noi chiederemo - se riduzione ha da esserci - che sia proporzionale''.
''Le conclusioni della presidenza del Consiglio europeo sul futuro quadro finanziario dell'Europa appaiono molto preoccupanti per i tagli proposti alla politica agricola comune''. Così Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo, commenta la proposta del presidente della Consiglio Ue Herman Van Rompuy di tagli al budget 2014-2020 dell'Unione europea che comporterebbero circa 25,5 miliardi in meno per il budget Pac. ''Una proposta inaccettabile - ha proseguito De Castro - sotto il profilo delle risorse e rispetto alla quale il Parlamento europeo farà una battaglia dura, ma anche una proposta dalla quale è possibile rilevare una profonda innovazione in termini di contenuti, che ribalta, almeno parzialmente, le intenzioni della Commissione. La proposta Van Rompuy, infatti, rimette al centro il tema della sicurezza degli approvvigionamenti e il tema del lavoro, in pratica assenti nelle proposte di Ciolos. (www.ansa.it)

 

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com