IN PRIMO PIANO

Galileo: l'Europa lancia il suo primo sistema intelligente di navigazione satellitare
L'Europa ha compiuto un importante passo nella sua storia lanciando alle ore 12.30 (ora dell'Europa centrale) di venerdì 21 ottobre da Kourou, Guaiana francese, i primi due satelliti operativi Galileo caricati su un vettore Soyuz per raggiungere l'orbita definitiva a 23.000 kilometri.


L'Europa ha fatto ora un passo avanti sulla via di un proprio sistema intelligente di navigazione satellitare che recherà molteplici benefici alle nostre economie e alle nostre vite quotidiane. L'industria europea sarà tra i primi beneficiari del programma Galileo che offrirà alle imprese e ai cittadini un accesso diretto a un segnale di navigazione satellitare gestito in Europa.
A partire dal 2014 la nuova costellazione consentirà di fornire servizi di navigazione su automobili più precisi, una gestione efficace dei trasporti su strada, servizi di ricerca e salvataggio, transazioni bancarie più sicure nonché una fornitura affidabile di elettricità, tutte attività che per funzionare in modo efficiente dipendono dalle tecnologie di navigazione satellitare. L'impatto economico complessivo è stimato a circa 90 miliardi di euro nell'arco del prossimo ventennio.
Antonio Tajani, Vicepresidente della Commissione e responsabile per l'industria e l'imprenditoria, ha affermato: "Questo è un momento di estrema fierezza per tutti i cittadini europei: il lancio odierno di questi satelliti dimostra la capacità dell'Europa nel campo delle attività satellitari. Invito ora le industrie e le PMI europee a cogliere senza indugio le importanti opportunità economiche offerte da questo sistema – mettetevi subito a innovare! I cittadini europei possono prepararsi a loro volta, Galileo sarà un elemento importante della loro vita quotidiana".
Servizio pubblico regolamentato (PRS), nonché il servizio "Ricerca e salvataggio" operativi a partire dal 2014. Tra gli altri servizi che verranno attivati successivamente vi sono il servizio commerciale e il servizio per la sicurezza della vita umana che assicureranno una maggiore portata di dati e una maggiore accuratezza dei dati autenticati.
Galileo: un sistema potenziato di navigazione satellitare globale per l'Europa
Il programma Galileo fornisce un sistema potenziato di navigazione satellitare globale caratterizzato da un servizio di posizionamento globale garantito e estremamente accurato. Esso offrirà tre tipi di servizi: l'Open Service (gratuito) e il Servizio pubblico regolamentato (PRS), nonché il servizio "Ricerca e salvataggio" operativi a partire dal 2014. Tra gli altri servizi che verranno attivati successivamente vi sono il servizio commerciale e il servizio per la sicurezza della vita umana che assicureranno una maggiore portata di dati e una maggiore accuratezza dei dati autenticati.
L'evento odierno rappresenta il primo elemento effettivo di una costellazione che erogherà servizi essenziali a partire dal 2014. I due satelliti, che convogliano i due orologi atomici Maser più precisi mai fabbricati – con un grado di accuratezza pari a un secondo su tre milioni d'anni – stanno a indicare che la convalida della futura costellazione composta di 30 satelliti può essere ora accelerata.
Galileo è interoperativo ed è compatibile con il sistema GPS.
Galileo dovrebbe produrre redditi addizionali per l'industria pari a 90 miliardi di euro
Il sistema di navigazione satellitare europea sta per diventare operativo e l'attenzione deve essere ora consacrata all'erogazione di servizi che vadano a vantaggio dei cittadini europei e dell'economia, in linea con la strategia della Commissione "Europa 2020". Il sistema supporta diversi settori dell'economia europea per il tramite dei propri servizi: reti elettriche, società che devono gestire un parco veicoli, transazioni finanziarie, i trasporti marittimi, le operazioni di salvataggio, le missioni di mantenimento della pace ricaveranno indubbi vantaggi dall'open service gratuito, dal servizio pubblico regolamentato e dal servizio di ricerca e salvataggio.
Il programma Galileo assicura inoltre il know-how dell'Europa nell'ambito di una tecnologia che sta diventando critica, anche in ambiti come quello della distribuzione dell'elettricità e delle reti di telecomunicazione. Il sistema realizzato nel contesto del programma Galileo dovrebbe produrre nell'arco di un ventennio 90 miliardi di euro in termini di redditi addizionali per l'industria e di benefici pubblici e sociali.
EGNOS (sistema geostazionario europeo di navigazione e di sovrapposizione) è il sistema di intensificazione del segnale GPS per l'area europea. Si tratta del precursore di Galileo. L'open service di EGNOS è operativo sin dall'ottobre 2009 e la Commissione ha lanciato di recente il servizio EGNOS "Safety-of-Life" per il settore dell'aviazione (IP/11/247). (http://ec.europa.eu/italia)




Torna all'indice di ASA-Press.com