IN PRIMO PIANO

Acqua: Bcfn, 1 miliardo soffrono sete, piramide tutela oro blu

Nel terzo millennio la Terra ha ancora sete. La disponibilità di acqua è ancora un’emergenza per un miliardo di individui che oggi vivono con meno di venti litri di acqua potabile al giorno. Come garantire acqua sufficiente alla popolazione mondiale? Il Barilla Center for Food & Nutrition (Bcfn) - che al tema della water economy ha dedicato due studi nei suoi primi tre anni di attività – sarà presente al sesto World Water Forum, la principale conferenza mondiale sul tema dell'acqua a Marsiglia dal 12 al 17 marzo, per contribuire ad attuare uno sviluppo economico sostenibile mantenendo il pianeta "blu".
Nell'ambito del dibattito sulla water economy e sulla gestione delle risorse idriche, il Comitato del World Water Forum ha indicato i modelli Bcfn della 'Doppia Piramide alimentare e ambientale' e della 'Piramide alimentare e idrica' tra le ''idee più efficaci''. La Piramide alimentare e idrica, in particolare, mette in relazione la tradizionale piramide alimentare con l'impatto dei suoi componenti in termini di consumo di risorse idriche (impronta idrica). Ad esempio, produrre un pomodoro richiede 13 litri di acqua, una fetta di pane 40 litri, 100 grammi di formaggio 500 litri, un hamburger 2400 litri d'acqua. Più in generale, il consumo d'acqua virtuale giornaliero per alimentarsi varia da circa 1500-2600 litri nel caso di una dieta vegetariana a circa 4000-5400 litri in caso di una ricca di carne. Da questa comparazione emerge che ''gli alimenti della dieta mediterranea, di cui si consiglia un'assunzione più frequente, hanno minore impatto sul consumo di acqua. Al contrario, le scelte alimentari di cui si consiglia un consumo meno frequente e abbondante, ad esempio quelle troppo ricche in grassi e zuccheri, risultano con un impronta idrica maggiore, quindi con impatto più negativo sul benessere del pianeta''. Quello che mangiamo, infatti, ha un grande impatto sul consumo di oro blu, e nel mondo esistono profonde differenze nelle possibilità di accesso e consumo pro capite dell'acqua tra i diversi Paesi: confrontando le economie più sviluppate e quelle in via di sviluppo, si va dai 575 litri degli Stati Uniti ai 385 dell'Italia, 285 della Francia, 180 del Brasile, 135 dell'India e 85 della Cina. Al forum di Marsiglia il 15 Bcfn partecipa alla sessione 'Risparmio idrico e diete sostenibili: ridurre le perdite post raccolto e lo spreco di cibo per molteplici vantaggi'. (ANSA).


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com