ASA Associazione Stampa Agroalimentare

Newsletter 402
/ 30.11.2015

Segui ASA anche su Facebook | Twitter


1 milione di tonnellate da destinare a indigenti

I dati della scorsa settimana dell'Istat ci dicono quanto sia necessario investire nell'inclusione sociale e non abbassare la guardia nel contrasto alla povertà alimentare che riguarda ancora circa 6 milioni di cittadini in Italia. Un impegno sul quale il Governo ha messo in campo una strategia coordinata tra Ministeri delle politiche agricole e Lavoro per garantire assistenza alimentare agli indigenti fino al 2020 attraverso il prezioso lavoro degli enti caritativi. Quest'anno abbiamo distribuito 100mila tonnellate di cibo e vogliamo ancora crescere anche grazie a un lavoro virtuoso sul fronte del recupero degli sprechi. Già oggi riusciamo a salvare e destinare a chi ne ha bisogno 550mila tonnellate di eccedenze alimentari, l'obiettivo è arrivare a 1 milione entro il 2016. Possiamo raggiungerlo con interventi mirati come quello che abbiamo introdotto con la legge di stabilità: ora è più conveniente per le imprese donare il cibo che sprecarlo, visto che abbiamo tagliato la burocrazia per le donazioni fino a 15mila euro. È importante poi arrivare a una rapida approvazione della legge contro gli sprechi che è ora in discussione in Parlamento, perché parliamo di un fenomeno che in Italia vale 12 miliardi di euro all'anno. Invertire la rotta è un nostro dovere.

www.politicheagricole.it


Calano gli italiani senza pasti adeguati, sono comunque oltre 6 milioni

Sono calati del 25 per cento negli ultimi tre anni gli italiani che dichiarano di non potersi permettere un pasto adeguato (cioè con proteine della carne, del pesce o equivalente vegetariano) almeno ogni due giorni, se lo volessero. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al “Reddito e condizioni di vita” dalla quale si evidenzia che restano comunque oltre 6 milioni gli italiani che vanno ben oltre il rischio di povertà e non hanno denaro a sufficienza neanche per alimentarsi adeguatamente.  La situazione peggiore dal punto di vista alimentare si registra - sottolinea Coldiretti - nel mezzogiorno di Italia dove la percentuale sale al 17 per cento, tra le famiglie monoreddito (è il 17,3 per cento), e tra le persone sole con più di 65 anni con il 14,5 per cento. Una situazione che - conclude la Coldiretti - conferma l’attualità dell’obiettivo lanciato da Expo di garantire cibo adeguato per tutti in un Paese come l’Italia che ha enorme risorse alimentari da difendere ed offrire.

www.coldiretti.it



Via libera alla legge per tutelare la biodiversità in agricoltura 

L’Italia può contare su 504 varietà iscritte al registro viti contro le 278 dei cugini francesi e su 533 varietà di olive contro le 70 spagnole, ma sono state salvate da estinzione anche 130 razze allevate tra le quali ben 38 razze di pecore, 24 di bovini, 22 di capre, 19 di equini, 10 di maiali, 10 di avicoli e 7 di asini, sulla base dei Piani di Sviluppo Rurale dell’ultima programmazione. E’ quanto afferma la Coldiretti nell’esprimere soddisfazione per la definitiva approvazione della proposta di legge per la valorizzazione della biodiversità di interesse agricolo e alimentare che rappresenta un valido strumento per dotare il nostro Paese di un sistema di norme capace di riconoscere, proteggere, recuperare, organizzare e mettere a sistema la biodiversità.

La nuova legge  prevede l’Istituzione di un Sistema nazionale della biodiversità agraria e alimentare, l’avvio di un Piano nazionale sulla biodiversità di interesse agricolo, l’Istituzione di un Fondo di tutela per sostenere le azioni degli agricoltori e degli allevatori. Inoltre, all’interno del piano triennale di attività del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA) sono previsti interventi per la ricerca sulla biodiversità agraria e alimentare, sulle tecniche necessarie per favorirla, tutelarla e svilupparla.

Investire sulla biodiversità, infatti, è una condizione necessaria per le imprese agricole di distinguersi in termini di qualità delle produzioni ed affrontare così il mercato globalizzato salvaguardando, difendendo e creando sistemi economici locali attorno al valore del cibo. Del resto l’agroalimentare italiano – precisa la Coldiretti -  si fonda sui saperi delle nostre comunità e si sviluppa grazie alla ricerca che offre strumenti sempre nuovi di conoscenza della biodiversità.

Il riconoscimento delle nostre produzioni tipiche e tradizionali legate al territorio diventa per l’agricoltura italiana un vero e proprio investimento in competitività. L’Italia è l’unico Paese al mondo che può contare su 4.886 prodotti alimentari tradizionali censiti dalle regioni ottenuti secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, 272 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg. Un risultato reso possibile dalla grande varietà del patrimonio vegetale e animale, con la presenza sul territorio nazionale di 7.000 specie di flora, 58.000 specie di animali.

Un’azione di recupero importante si deve ai nuovi sbocchi commerciali creati dai mercati degli agricoltori e dalle fattorie di Campagna Amica attivi in tutte le Regioni e che hanno offerto opportunità economiche agli allevatori e ai coltivatori di varietà e razze a rischio di estinzione che altrimenti non sarebbero mai sopravvissute alle regole delle moderne forme di distribuzione. Si stima che almeno 200 varietà vegetali definite minori, tra frutta, verdura, legumi, erbe selvatiche e prodotti ottenuti da almeno 100 diverse razze di bovini, maiali, pecore e capre allevati su scala ridotta trovino sbocco nell’attuale rete di mercati e delle fattorie degli agricoltori di Campagna Amica che possono contare su circa diecimila punti vendita.

“E’ questo il risultato del lavoro di intere generazioni di agricoltori impegnati a difendere nel tempo la biodiversità sul territorio e le tradizioni alimentari”, afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “si tratta di un bene comune per l’intera collettività e di patrimonio anche culturale sul quale l’Italia può contare per ripartire”.

www.ilpuntocoldiretti.it



Prezzi agricoli: bene ripresa produzioni vegetali, ma sulla zootecnia strada ancora in salita

Nel terzo trimestre dell'anno i prezzi dei prodotti venduti dagli agricoltori  aumentano dello 0,8% in termini congiunturali e dell'1% rispetto al 2014. La crescita tendenziale  è stata trainata dalle produzioni vegetali e, in particolare, dall'olio d'oliva che dopo le sofferenze del 2014 ha visto aumentare i listini all'origine del 38%. Si confermano invece le difficoltà della zootecnia italiana i cui prodotti, rispetto al 2014, hanno ceduto il 4,5% del loro prezzo a settembre e il 5,3% nel terzo trimestre. È quanto emerge in sintesi dall'analisi della Cia sui dati provvisori diffusi dall'Istat.
"Il trend di crescita generale -ha osservato il presidente nazionale Dino Scanavino- rappresenta un segnale positivo, in particolare per quelle produzioni come frutta e olio d'oliva che, lo scorso anno, hanno attraversato un periodo difficilissimo. Di contro, il calo dei prezzi dei prodotti zootecnici conferma, qualora ce ne fosse stato bisogno, le grandi difficoltà e sofferenze che stanno colpendo gli allevatori italiani".
"Il divario in termini di prezzi e remunerazione che penalizza l'agricoltura, rispetto agli anelli terminali della filiera, deve essere colmato al più presto. Un'esigenza che, non ci stancheremo mai di sottolineare, richiede un approccio globale di valorizzazione della filiera agroalimentare da realizzarsi all'interno di un disegno strategico di politica agricola. Anche perché -evidenzia Scanavino- è assodato che considerando l'agricoltura centrale e incentivando la remunerazione delle componenti a monte, a trarne beneficio in termini di crescita competitiva sarebbe l'intero sistema agroalimentare e, con esso, l'economia nazionale".

www.cia.it



Graziella Cescon, Presidente Nazionale FISAR

Graziella Cescon, già vicepresidente FISAR, è stata eletta Presidente Nazionale FISAR.
Insieme a lei sono stati eletti i componenti la Giunta Nazionale: Vicepresidente Nazionale Filippo Franchini, Segretario Nazionale Laura Maggi, Tesoriere Luigi Terzago e quinto componente la Giunta Nazionale Valerio Sisti.

Oltre ai cinque componenti la Giunta fanno parte del Consiglio Nazionale per il prossimo triennio: Iacone Carlo, Baroncini Fabio, Gosatti Stefano, Volpe Massimo, Marchi Massimo, Elce Fabretti Giovanni, Rubin Luisella, Masiello Nicola, Moretto Carla e Guzzardi Carlo.

“Condivisione e trasparenza saranno i segni distintivi della mia Presidenza – dichiara la neo eletta Presidente Nazionale. Consolidare i nostri successi e concorrere all’evoluzione qualitativa della nostra gloriosa associazione saranno gli obiettivi di questo rinnovato Consiglio Nazionale”.

www.fisar.com



Gabriella Diverio, nuovo Direttore di Assoenologi

Gabriella Diverio - poco più che cinquantenne, piemontese, laurea in Lingue e Letterature Straniere - sarà dal prossimo anno al timone dell’Assoenologi. Esperta in marketing nazionale ed internazionale nel settore agroalimentare, la dottoressa Diverio ha un curriculum di tutto rispetto.

Si aggiungano alle sue doti culturali una spiccata passione per il mondo del vino, l’organizzazione di importanti eventi nel settore vitivinicolo, nonché la padronanza di lingue straniere.

La conduzione dell’Associazione quindi sarà ancora nel solco tracciato dalla quasi quarantennale direzione di Giuseppe Martelli, all’insegna cioè della serietà e della dinamicità.

www.assoenologi.it





CONFERENZE STAMPA

Lunedì 30 novembre
Vercelli
- Sala Giunta “Biginelli” – IV Piano, sede Camera di Commercio – piazza Risorgimento 12 – ore 11
Presentazione dell’attività promossa da ATL Valsesia Vercelli. I temi della conferenza stampa: Expo 2015, ricadute sul territorio; Progetto “Made in Piemonte-Destinazione impresa”; Educational BITEG.
Info e accrediti:
Turismo Valsesia Vercelli – info@atlvalsesiavercelli.it - tel 0163 564577 – www.atlvalsesiavercelli.it

Martedì 1 dicembre
Varallo (VC)
– sede Unione Montana Valsesia – Corso Roma 35 – ore 11
Presentazione dell’attività promossa da ATL Valsesia Vercelli. I temi della conferenza stampa: Presentazione nuovo Catalogo Neve; Attività promozionale secondo semestre 2015; Progetto “Made in Piemonte-Destinazione impresa”.
Info e accrediti
: Turismo Valsesia Vercelli – info@atlvalsesiavercelli.it - tel 0163 564577 – www.atlvalsesiavercelli.it

Mercoledì 2 dicembre
Roma
- Palazzo della Valle, Sala Serpieri - Corso Vittorio Emanuele II, 101 – ore 11.30
Confagricoltura presenta il primo il master universitario di I livello in “Agricoltura sociale” (MAS), attivato nell’anno accademico 2015/2016 presso la Scuola IaD (Scuola di Istruzione a Distanza) dell’Università di Roma Tor Vergata, in convenzione con la Rete delle Fattorie Sociali e l’Associazione OASI. Sarà presente anche Mario Guidi, Presidente Confagricoltura.
Info e accrediti: Area Comunicazione Confagricoltura E-mail: immagine@confagricoltura.it - Tel.:  +39 066852.410 - www.confagricoltura.it


EVENTI E MANIFESTAZIONI

Mercoledì 2 dicembre
Montichiari (BS)
- sala Agricam del Consorzio Bresciano CIS – ore 10
Prima assemblea programmatica per l’AOP Latte Italia, l’associazione di organizzazioni di produttori dell’Alleanza delle Cooperative agroalimentari. In primo piano, la presentazione del programma operativo dell’AOP Latte Italia, che nasce in uno dei momenti più difficili nella storia della filiera lattiero casearia. Nella seconda parte della mattinata, una tavola rotonda sulla crisi del settore e sui possibili rimedi.
Info e accrediti:
InterCOM - Ufficio stampa Alleanza delle Cooperative Italiane – Settore Agroalimentare
Simone Velasco 339.5818511 simovela@gmail.com
Ilaria Koeppen 334.3486392 koeppen@agenziaintercom.it
Alessandra Fabri 06.46978202 – 334.6599343 stampagro@alleanzacooperative.it  

Giovedì 3 dicembre
Verona
– Sala Salieri, Centro Congressi Veronafiere – ore 17
Nell’ambito di wine2wine, talk show organizzato dall’Associazione Le Donne del Vino dal titolo “Generazioni a confronto: l’oggi e il domani”. Una simpatica chiacchierata tra sei coppie formate da madri e figlie che guidano le rispettive aziende vinicole, con le loro testimonianze e impressioni sullo stato del vino italiano e speranze per il futuro. Conduce l’ideatore del progetto Ian D’Agata, Direttore Scientifico Vinitaly International Academy. Sarà presente anche Elena Martusciello, Presidente DDV.
Info e accrediti: info@ledonnedelvino.com –www.ledonnedelvino.com - tel. 02 867577

Venerdì 4 dicembre
Monteriggioni (SI
) - Auditorium di Chianti Banca – via Achille Grandi 2 – ore 16
In occasione della 61ma assemblea nazionale delle Città dell’Olio, il simposio "Olio Extra Vergine di Oliva elisir di lunga vita. Alimentazione e proprietà salutistiche sui principi della Dieta Mediterranea". Previsto l’intervento di illustri relatori e del Enrico Lupi, Presidente Città dell’Olio.
Info e accrediti: Ufficio Stampa Associazione Nazionale Città dell'Olio Marte Comunicazione di Marzia Morganti Tempestini & -C. - Tel 335 6130800 – marzia.morgantigmail.com - www.cittadellolio.it

 

Privacy & Cookie Policy