ENTI E MINISTERI

Ue: sarà Commissione a decidere tagli aiuti agricoltori 2014

Molto dipenderà dal pagamento o meno delle multe latte 2014-2015

Sarà la Commissione europea a decidere l'eventuale taglio ai pagamenti diretti 2014 che l'Ue versa agli agricoltori, per assicurare la copertura finanziaria della Politica agricola comune. Il Consiglio e il Parlamento Ue appena rinnovato, non hanno potuto pronunciarsi entro la scadenza del 30 giugno e ora la palla passa alla Commissione Ue.
L'Esecutivo ha già proposto di tagliare l'1,30% dei pagamenti 2014 agli agricoltori, ma che saranno a carico del bilancio Ue 2015. Lo scorso anno la riduzione è stata del 2,45%.
Dai tagli, tuttavia, verranno esentati i primi 2mila euro. In Italia questo significa che oltre 890mila agricoltori potranno beneficiare integralmente di quella franchigia rispetto agli oltre 1,2 milioni che rappresentano l'agricoltura italiana. Sono esclusi dalla riduzione gli agricoltori in Bulgaria, Romania e Croazia che non beneficiano integralmente dei pagamenti Ue.
Va detto però che i bisogni finanziari reali della Pac si conosceranno in realtà solo dal prossimo ottobre, con la presentazione del bilancio di previsione. Molto dipenderà anche dalla decisione del Consiglio Ue, se accogliere o meno la richiesta dei Paesi del Nord Europa, di esentare dal pagamento delle multe Ue gli agricoltori che hanno superato le quote latte loro assegnate nell'ultimo anno di applicazione del sistema (non è il caso dell'Italia). In parallelo si parla della possibilità di introdurre strumenti di intervento in caso di crisi del settore. Così, se le multe potrebbero compensare carenze nel bilancio Ue, anche un accordo per la protezione dei produttori di latte più esposti alla crisi è atteso da tempo. (ANSA).


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com