ENTI E MINISTERI

La Politica Agricola Comune per i cittadini europei

La Commissione europea in data 11 marzo 2014 ha adottato il primo pacchetto di atti delegati per la riforma della politica agricola comune (PAC) che mira a rendersi più equa e mirata. Il testo integra i quattro atti di base adottati il 13 dicembre scorso dal Parlamento europeo e dal Consiglio per la riforma della PAC.
Gli atti sono stati discussi con esperti dei 28 Stati dell'UE e membri del Parlamento europeo. In assenza di obiezioni da entrambe le istituzioni, gli atti delegati saranno adottati dalla Commissione europea e pubblicati insieme ai corrispondenti atti di esecuzione, in modo da consentire agli Stati membri di decidere come attuare la riforma della PAC a livello nazionale o regionale.
In seguito alla riforma della PAC, la Commissione ha tenuto a interpellare nuovamente i cittadini europei sul tema della PAC e sull'importanza che accordano all'agricoltura nell'Unione europea attraverso un sondaggio realizzato secondo il metodo Eurobarometro.
I risultati evidenziano che oltre tre quarti degli europei ritiene che la PAC sia vantaggiosa. Oltre il 90% di essi approva i principali orientamenti della nuova politica, come la creazione di un vincolo tra gli aiuti finanziari concessi agli agricoltori e il rispetto delle pratiche agricole benefiche per l'ambiente. Queste sono le conclusioni pubblicate dalla Commissione in data 11 marzo.
Gli europei attribuiscono sempre più importanza all'agricoltura, che viene considerata insieme allo sviluppo delle zone rurali, un valore importante per il futuro (53%, +7 punti rispetto al 2009). Inoltre la stragrande maggioranza dei cittadini europei ritiene rilevante garantire una varietà di tipi di agricoltura e di prodotti alimentari nell'Ue.
Oltre l'80% dei cittadini europei sostiene gli obiettivi fondamentali della PAC, ovvero garantire l'approvvigionamento di prodotti alimentari, sviluppare le zone rurali in maniera più equilibrata o sostenere i giovani agricoltori.
I cittadini sono in maggioranza favorevoli al sostegno concesso agli agricoltori e alla quota che tale sostegno rappresenta nel bilancio dell'UE tanto che ritengono importante sostenere le aziende agricole fragili che si trovano ad affrontare condizioni climatiche, sanitarie o economiche difficili. Il 64% dei cittadini degli Stati Membri è a conoscenza del sostegno che l'UE concede agli agricoltori; nel precedente sondaggio del 2009, appena il 41% degli europei dichiarava di avere sentito menzionare la PAC.
I cittadini europei sono in maggioranza consapevoli del fatto che le entrate del settore agricolo sono inferiori a quelle di altri settori economici.
Per quanto riguarda l'informazione dei consumatori, il sondaggio rivela che gli europei sono molto attenti alla qualità dei prodotti alimentari come il latte e alcuni tipi di carne e che nutrono forti aspettative in materia di tracciabilità. La maggior parte di essi è disposta anche a spendere un po' di più affinché tali informazioni sull'origine dei prodotti figurino sull'etichetta.

Francesco Laera e Chiara Parapini
Commissione europea
DG COMM
Rappresentanza a Milano
+39 02 46 75 141
mail: comm-rep-mil@ec.europa.eu
http://ec.europa.eu/italia


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com