ENTI E MINISTERI

Italia-Ue, conto amaro: saldo negativo per 22 miliardi in 5 anni

Per l’Italia il conto dell’Europa è piuttosto amaro: un saldo negativo tra entrate e contributi per 22 miliardi in 5 anni. Con Germania e Olanda, l’Italia è uno dei principali Paesi dell’Unione a contribuire al bilancio comunitario, soprattutto in base a quanto incassa sotto forma di aiuti regionali e per l’agricoltura. Con l’ingresso nell’Unione di Paesi ex socialisti sono cambiate molte priorità per i fondi di sviluppo e i vecchi Stati hanno ricevuto meno, una situazione che l’Italia vorrebbe riequilibrare nel corso del negoziato di giovedì a Bruxelles. Spiega il Corriere della Sera:
L’Italia dal 2007 al 2011 ha già lasciato in Europa 22 miliardi di euro, solo due meno della Francia, che ha però un reddito nazionale superiore di un quarto al nostro, e di cinque miliardi in meno rispetto al Regno Unito (che ha un Pil maggiore del 10%). Ventidue miliardi in cinque anni, una cifra più o meno equivalente al gettito atteso dall’Imu, tanto per avere un ordine di grandezza: oggettivamente non è un bel risultato.
E l’Italia? Anche per effetto dell’accordo del 2005, i governi di Romano Prodi e poi (dal maggio 2008) ancora di Berlusconi si sono visti raddoppiare in un anno il conto di Bruxelles. Nel 2007 il «saldo operativo» tra versamenti (escluse le spese per l’amministrazione) e fondi provenienti dalla Ue era ancora fermo a 2 miliardi di euro. Meno della Germania (7,4), della Francia (2,9), del Regno Unito (4,1), persino meno dell’Olanda (2,8). Nel 2008, invece, eccoci proiettati al secondo posto della classifica dei «contributori netti» della Ue. L’Italia già in crisi, l’Italia indebitata, l’Italia della crescita asfittica, usciva ammaccata anche dalle cifre sul bilancio europeo: il «saldo operativo» toccava 4,1 miliardi di euro proiettandoci al secondo posto nella classifica dei contributori netti, dietro la Germania (8,7) e davanti a Francia (3,8) oltre a Olanda (2,6) e Regno Unito (0,8). Da lì in poi, nel giro di altri tre anni, il «saldo operativo» è salito fino a 5,9 miliardi del 2011: in termini relativi abbiamo recuperato sulla Francia (6,4 miliardi), ma siamo ancora alle spalle del Regno Unito (5,5 miliardi).
(http://www.blitzquotidiano.it)

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com