ENTI E MINISTERI

Pac, gli Stati membri devono restituire 230 milioni
La richiesta della Commissione europea per i fondi "indebitamente" spesi. L'Italia esclusa dal provvedimento

Pac: 230 milioni di euro "indebitamente" spesi. È quanto dovranno restituire gli Stati membri su richiesta della Commissione europea. 
Dato che parte della somma è già stata recuperata, l'impatto finanziario della decisione sarà di 227 milioni di euro circa. Una somma da restituire per le inadeguate procedure di controllo sulla spesa agricola.
L'Italia non rientra nel provvedimento.
Le principali correzioni finanziarie
Gli Stati interessati dal provvedimento sono: Belgio, Repubblica Ceca, Germania, Irlanda, Grecia, Spagna, Lituania, Ungheria, Malta, Polonia, Portogallo, Slovenia, Slovacchia e Regno Unito.
In particolare, la Grecia dovrà restituire 83,6 milioni per la riduzione non conforme del rendimento minimo di uve secche; lo Stato dovrà versare altri 24 milioni (l'impatto finanziario sarà di 23,9 milioni) per le carenze nei registri del bestiame e controlli sul posto per i premi animali.
La Polonia deve all'Europa 79,9 milioni per inefficienze nel controllo della domanda iniziale e nell'approvazione del piano finanziario per la misura delle fattorie di semi-sussistenza.
Al Regno Unito è invece richiesta la restituzione di 10,3 milioni per le carenze nell'identificazione degli animali e nei controlli sul posto per i premi animali. (http://agronotizie.imagelinenetwork.com)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com