ENTI E MINISTERI

L'Italia per il fermo 2013 potrà spendere di più

L’Italia potrà spendere di più per realizzare il fermo pesca 2013. Lo rende noto la Federcoopesca-Confcooperative nel riportare il via libera dell’Unione europea, che verrà formalizzato a fine mese, all’aumento dal 6% al 9% del massimale dei fondi europei per il settore (Fep) da destinare all’arresto temporaneo dell’attività di pesca. “Non si tratta di fondi aggiuntivi ma della possibilità di destinare più risorse a questa importante misura, muovendosi sempre all’interno del plafond previsto dal Fep. Non ci saranno premi maggiori per gli armatori ma la possibilità di programmare meglio il fermo per i prossimi due anni, quando entrerà in vigore il Feamp, il nuovo fondo per il settore ” precisa l’associazione nell’evidenziare che ora tutto è nelle mani delle Regioni, titolari dei fondi, e dell’Amministrazione centrale, che ha il compito di coordinare tutti gli attori sociali, le istituzioni regionali e di definire il calendario e le modalità tecniche di questa misura, destinata come ogni anno al sistema di pesca a strascico e quello con le volanti. Due diversi mestieri di pesca per i quali la Federcoopesca chiede, come fatto ufficialmente in una lettera a sigla dell’Alleanza delle Cooperative italiane, che vengano previsti due calendari di arresto temporaneo dell’attività “per rispondere meglio alle esigenze dei comparti e evitare lo stop in blocco di una parte importante della flotta italiana, in modo da garantire sempre sui mercati prodotto ittico nazionale”. (www.federcoopesca.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com