ENTI E MINISTERI

Vino, no alla vendita dei diritti di impianto fuori dalla Regione

Regione Lombardia, secondo quanto previsto con un'apposita delibera proposta dall'assessore regionale all'Agricoltura Gianni Fava, ha voluto tutelare il proprio patrimonio vitivinicolo, introducendo il divieto di vendita, al di fuori dei confini regionali, dei diritti di impianto generati in Lombardia, incassando con ciò il parere favorevole della filiera vitivinicola. Questo a fronte del fatto che la maggior parte delle Regioni italiane ha emanato disposizioni che limitano il trasferimento dei diritti di reimpianto di superfici vitate al rispettivo ambito regionale e che il divieto di circolazione dei diritti di impianto disposto ha causato una crescente richiesta di trasferimento di diritti di reimpianto dal territorio lombardo verso altre regioni.

OBIETTIVO, CONTRASTARE CESSIONE DIRITTI FUORI CONFINI - Negli ultimi due anni il patrimonio vitivinicolo regionale ha subito una contrazione di oltre 900 ettari passando dai 23.902 del 2010 ai 22.993 del 2012. Per contrastare la propensione di alcune realtà regionali a espandere la superficie territoriale impegnata a vigneto, Regione Lombardia auspica invece di poter privilegiare il trasferimento di diritti interni alla regione piuttosto che permettere la cessione degli stessi al di fuori dei confini regionali. Il tutto per arginare il depauperamento delle capacità produttive che influisce negativamente sul comparto vitivinicolo lombardo causando squilibri economico-sociali oltre che paesaggistico-ambientali.

REIMPIANTO FUORI REGIONE SE RICHIESTO ENTRO 28/6 - Il settore vitivinicolo rappresenta in Lombardia un settore di grande importanza per tradizione ed elevata qualità delle produzioni vinicole, grazie a ben 5 Docg, 22 Doc e 15 Igt che interessano tutti gli ambiti territoriali, montani e pianeggianti. Il 90% della produzione vitivinicola lombarda è costituita da vino a denominazione di origine o a indicazione geografica. La Lombardia, terra vocata alla produzione vitivinicola che nelle zone montane rappresenta anche una valida difesa del suolo contro i fenomeni di erosione e di abbandono del territorio, ha ritenuto quindi necessario stabilire - con l'obiettivo di tutelare il patrimonio viticolo lombardo - che i diritti di reimpianto originati dall'estirpazione di vigneti debbano essere esercitati solo in ambito regionale e non possono essere quindi trasferiti in altre regioni; è, invece, permesso il trasferimento fuori regione ai diritti per i quali è già stata richiesta la registrazione del contratto di vendita all'atto dell'entrata in vigore dell'atto deliberativo pubblicato sul Burl il 28 giugno scorso. 

IN AIUTO ALLE PRODUZIONI INTERREGIONALI - Con questo provvedimento, Regione Lombardia ritiene di poter permettere alle aziende che producono Doc Garda, Lugana, San Martino della Battaglia e conducono vigneti sia in Lombardia che in Veneto di trasferire il diritto di impianto rilasciato a seguito di estirpo di vigneto in regione Lombardia sull'intera superficie aziendale compresa quella situata in regione Veneto.
(www.regione.lombardia.it)

 

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com