ENTI E MINISTERI

Servizi alla pesca, al via rete di imprese cooperative "Ittica Service Alto Adriatico"

Al via il più grande polo integrato di servizi ed assistenza su base multiregionale a disposizione delle imprese della filiera ittica, grazie alla costituzione della nuova rete di imprese cooperative "Ittica Service Alto Adriatico", di cui beneficerà il Distretto della pesca del Nord Adriatico (Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna).

La nascita delle rete di imprese, promossa sotto l'egida di Legacoop, è stata siglata oggi a Mestre e costituisce l'approdo di un primo protocollo comune sottoscritto a maggio scorso tra Lega Pesca e Legacoop Veneto, che ha poi visto il coinvolgimento di Legacoop FVG e Legacoop Emilia Romagna.

Confluiscono nel nuovo soggetto imprenditoriale: "Ecoittica Service" (Roma), braccio operativo di Lega Pesca nel settore dei servizi,  "Isfidprisma" e "Agrieteco", di Venezia Mestre, "Contabilcoop" e "Cesvip" di Rimini, la società "Mare" di Cattolica, "Cosemar" di Goro, "Almar"  di Marano Lagunare e "Shoreline" di Trieste.

Nominato presidente Luigino Pelà (Ecoittica), mentre nel comitato di gestione entrano anche, in rappresentanza dei diversi ambiti regionali, Lara Feggi (Cosemar), Alessandro Vendramini (Agriteco), Roberto Odorico (Shoreline). La neonata rete di imprese per i servizi alla pesca avrà sede legale a Goro. A regime saranno tre le sedi operative per il primo anno di attività, una per ogni  Regione.

Grazie alle sinergie attivate tra nove tra società di servizi e contabilità, Istituti di ricerca e Enti di formazione riconosciuti, ciascuno con un curriculum di eccellenza, "Ittica Service Alto Adriatico" potrà assicurare un'offerta di servizi "chiavi in mano" alle imprese operanti nei diversi segmenti della filiera ittica dell'Alto Adriatico (pesca, acquacoltura, mercati, distribuzione, etc): dalle pratiche amministrative ai bilanci e alle paghe, dagli adempimenti igienico-sanitari per la tracciabilità dei prodotti alle certificazioni di qualità e ambientali, fino agli adempimenti per la sicurezza di bordo e alla formazione per l'acquisizione dei titoli professionali, in una azione integrata di supporto alle imprese che riguarderà anche la consulenza sui piani di marketing e l'assistenza progettuale per la partecipazione a bandi e per l'accesso alle agevolazioni.

Ma c'è di più. Oltre alla erogazione diretta di servizi, "Ittica Service Alto Adriatico" si candida a giocare un ruolo di vero e proprio "motore" delle politiche di sviluppo della filiera ittica alto adriatica, come interfaccia con le diverse amministrazioni competenti (locali, regionali, Ministero, Ue) per lo sviluppo delle progettualità a favore del settore (progetti nazionali di carattere multiregionale,  progetti di cooperazione territoriale  previsti dalla programmazione europea 2014-2020 (FEAMP), progetti transnazionali con i Paesi dirimpettai, anche nella prospettiva aperta dalla "Strategia macroregionale per l'Adriatico" in corso di definizione). Insomma, un polo per lo sviluppo della pesca  e dell'acquacoltura dell'Alto Adriatico, che perseguirà l'obiettivo di massimizzare le ricadute a favore delle imprese ittiche operanti sui diversi territori con particolare attenzione all'innovazione e alla diversificazione.

Soddisfazione esprime Ettore Ianì, presidente nazionale Lega Pesca, "L'iperegolamentazione cui è sottoposto il settore della pesca fa dell'offerta qualificata di servizi ed assistenza un fattore chiave per sostenere la competitività di una filiera che attraversa una fortissima crisi di sistema e per essere vicini ai reali bisogni di rinnovamento e riposizionamento del sistema imprenditoriale".

Si rallegra Franco Mognato, direttore Legacoop Veneto "perché la strategia dell'aggregazione è quella vincente: si tratta di un traguardo giusto e proiettato sulla contemporaneità, che dà alla cooperazione un ruolo protagonista per la crescita dei territori".  

"La rete sarà non solo lo strumento per rispondere in forma più efficace alle richieste delle singole cooperative, ma anche il mezzo per orientare e sostenere lo sviluppo del Distretto, elemento cardine di quella gestione condivisa e concertata su cui si gioca il futuro dell'intero Bacino adriatico", condividono i coordinatori regionali Gaetano Zanutti, Lega Pesca FVG, Antonio Gottardo, Lega Pesca Veneto, e Sergio Caselli, Lega Pesca Emilia Romagna. (www.legapesca.coop)

 

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com