ENTI E MINISTERI

Explora, Maroni: valorizzeremo il 'brand Lombardia'

Obiettivo: valorizzare i territori, per sfruttare al meglio tutte le potenzialità di Expo, anche dopo l'Esposizione, soprattutto sotto il profilo turistico. E' la mission di Explora, la società creata da Regione Lombardia, Camera di Commercio ed Expo Spa, che è stata presentata in un convegno a Palazzo Turati. I lavori sono stati chiusi dal presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, che, dopo aver fatto i complimenti per le relazioni del presidente e del direttore generale della società Giuliano Noci e Josep Ejarque, centrate sulla necessità di andare incontro al turista senza aspettare che sia lui a sceglierci, ha confermato l'impegno di Palazzo Lombardia sotto il profilo dell'attrattività turistica.
 
OPPORTUNITÀ 'CONCRETA' - Oltre alla partecipazione in Explora, ha ricordato il governatore, da Regione "sono state assunte diverse altre iniziative in questa direzione. L'ultima è stata varata con una delibera di Giunta solo pochi giorni fa e si chiama 'Lombardia ConCretA', un acronimo di 'contributi al credito per turismo e accoglienza'. Una misura che, mettendo a disposizione risorse per l'abbattimento dei tassi di interesse e per creare un fondo di garanzia, creerà un effetto leva per 100 milioni di euro, che potranno essere sfruttati dalle imprese del turismo a partire dal prossimo marzo".
 
IMPEGNO SU INFRASTRUTTURE - Oltre al sostegno alle imprese, l'altra colonna, sulla quale si basa l'impegno della Regione per Expo, è la realizzazione delle infrastrutture. "Fra pochi giorni, il 21 di dicembre - ha annunciato Maroni - ci sarà la firma della chiusura del closing finanziario per la Tangenziale esterna di Milano, che ci consentirà di non perdere i 330 milioni euro di finanziamento previsto. Un'opera importante, che sarà pronta per Expo, come la Pedemontana, che entrerà in esercizio già il prossimo anno, in anticipo, caso unico in Italia, rispetto ai tempi previsti".
 
ATTENZIONE ALLE CRITICITÀ - Il presidente, sottolineando che "è stato recuperato molto tempo perduto in passato", non ha comunque voluto tacere alcune criticità che ancora rimangono da risolvere. Ne ha citate due in particolare, cogliendo l'occasione per rivolgere un ulteriore appello al Governo. "Stiamo ancora aspettando dal ministro dell'Ambiente Andrea Orlando il decreto per iniziare i lavori del collegamento Rho-Monza e il provvedimento del ministro della Cultura Massimo Bray, che ci consenta di valorizzare finalmente il Museo dell'Alfa di Arese".
 
FAR CONOSCERE ECCELLENZE - Parlando sempre della struttura che ospita le auto storiche del marchio del Portello, Maroni ha ricordato che la Regione ha lavorato intensamente per trovare una soluzione che ne consenta la riapertura. "Abbiamo messo intorno a un tavolo Fiat e Sovrintendenza e siamo riusciti a individuare un percorso praticabile per arrivare all'obiettivo" ha detto, aggiungendo che l'intenzione della Regione, è di "creare una struttura, magari una fondazione, per valorizzare tutti i musei delle due e quattro ruote, che ci sono in Lombardia, simboli delle eccellenze del territorio, troppo spesso dimenticati".
 
FAR CONOSCERE LA LOMBARDIA - Il governatore ha quindi confermato l'intenzione di voler "investire sul 'brand Lombardia'. Milano, come risulta da alcuni studi, è un brand molto conosciuto nel mondo. La Lombardia decisamente meno. Io voglio investire sul 'brand Lombardia', utilizzando Expo per questa finalità. Tutte le iniziative che vanno in questa direzione riceveranno il sostegno della Regione e l'investimento che abbiamo fatto in Explora vuole proprio dare il senso dell'importanza che per noi ha la valorizzazione dei territori della nostra Lombardia".
 
PENSIAMO GIÀ AL POST EXPO - Maroni ha chiuso il suo intervento con una riflessione sul post-Expo. "Dobbiamo evitare che sul sito che ospiterà l'evento del 2015 rimangano solo macerie. L'area di Rho-Pero, che sarà ben collegata su gomma e rotaia, rappresenta un'occasione straordinaria da sfruttare per dare vita a qualcosa di utile per il territorio. Una proposta, quella di realizzare una città dello sport e un nuovo stadio, è già emersa. Ma la cosa importante, è che il progetto venga individuato rapidamente. Anche per questo abbiamo previsto tempi molto stretti, a febbraio dell'anno prossimo - ha fatto sapere - ci sarà una riunione dell'Assemblea di Arexpo, che definirà il masterplan e a marzo vogliamo fare la gara per l'individuazione del soggetto attuatore".
(www.regione.lombardia.it) 




Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com