ENTI E MINISTERI

Ue alza la voce nella battaglia su domini .vin e .wine
Kroes a Icann, ci vogliono garanzie per indicazioni geografiche

Bruxelles alza la voce per proteggere su internet i vini di qualità italiani ed europei dal rischio di frode e sfruttamento improprio delle loro denominazioni. Al centro del contenzioso ci sono società estranee al settore che vogliono attribuirsi i nuovi domini web '.vin' e '.wine', (proposti dall'organismo mondiale che li regola, l'Icann), per avere poi il diritto di declinarli in 'chianti.wine', 'champagne.vin' o altro e venderli al miglior offerente, che magari non ha nulla a che vedere con chi produce queste eccellenze.
Così la responsabile dell'Agenda digitale Neelie Kroes in una lettera all'Icann (di cui l'ANSA ha avuto visione) scrive senza mezzi termini: ''in nessun caso possiamo essere d'accordo di avere '. vin' e '.wine' su internet senza garanzie sufficienti che saranno protetti efficacemente i diritti e gli interessi dei titolari di indicazioni geografiche, dei consumatori e dei prodotti. La nostra posizione sulla sostanza non è cambiata''.
Nella lettera all'Icann a difesa dei vini di qualità italiani ed europei, la commissaria kroes si dice fiduciosa che, se seri negoziati tra le parti verranno avviati, si possa trovare un accordo che - in linea con la normativa Ue - potrà effettivamente costituire uno spazio sicuro per i titolari delle indicazioni geografiche e dei consumatori.(ANSA).


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com