ENTI E MINISTERI

Agricoltura: tagli Ue slittano di un anno? Catania, ipotesi rilassante

Si delinea una proroga della politica agricola europea per un anno. E' quanto ha riferito il 25 ottobre dopo la riunione della commissione politiche agricole il coordinatore Dario Stefano, assessore alle risorse agricole pugliese alla riunione svoltasi a Torino in occasione del salone del Gusto, a cui hanno partecipato il ministro all'Agricoltura Mario Catania e in collegamento Skype il presidente della commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro.
Un'eventualità, riferita dallo stesso De Castro alla commissione, che tutto sommato potrebbe essere positiva per l'Italia impegnata in un duro braccio di ferro sui tagli indicati dalla Commissione Ue (280 milioni all'anno su un totale di 5,5 miliardi, ndr) e sui loro criteri. ''Se dovesse verificarsi questa eventualità - ha spiegato il ministro Catania in conferenza stampa - la dotazione del primo 'pilastro' della politica agricola (aiuti diretti, ndr), si può' riportare all'anno successivo e questo scongiura almeno per il prossimo anno l'ipotesi di un taglio di 280 milioni annui come previsto dalla prima bozza della commissione Ue.
Quanto al secondo pilastro invece, relativo allo sviluppo rurale, - ha aggiunto il ministro - il problema è un po' più complesso in quanto si tratta di una politica programmatoria settennale che finisce nel 2013. Nel momento in cui a Bruxelles si decidesse che il bilancio comunitario scivola di un anno - ha aggiunto -, questo ci consentirebbe di avere un atteggiamento relativamente rilassato rispetto allo scenario. Non siamo noi - ha detto - che dobbiamo rincorrere per forza una soluzione, tutto sommato sarà un problema di qualcun altro l'anno prossimo''.
''La speranza di avere un accordo su bilancio dell'Unione Europea nel prossimo mese di novembre si allontana un po' - ha comunque dichiarato il ministro - c'è un negoziato importante in corso. La partita del bilancio agricolo è dentro questa partita più ampia ed è un tema su cui registriamo difficoltà ulteriori. Il governo ha ribadito che il bilancio agricolo è un tema che sta a cuore all'Italia, va mantenuto a un livello congruo e sarà difeso dall'Italia''. Il ministro ha spiegato che la linea del governo è di ottenere minori sacrifici: ''Non è accettabile il taglio di 280 milioni e solo per il primo pilastro - ha detto il ministro - stiamo facendo un negoziato per ottenere un punto di arrivo migliore''.
Catania ha spiegato che la Commissione di Bruxelles tende a parametrare la riduzione delle risorse agricole sulla base delle superfici agricole, penalizzando inevitabilmente l'Italia che pur avendo una plv (produzione lorda vendibile) superiore alla media ha un'estensione minore dei terreni agricoli. (www.asca.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com