ENTI E MINISTERI

Spesa Stato per ambiente -32% al 2014 su 2010
Relazione Ecobilancio, top interventi suolo e biodiversita'

In diminuzione, nel prossimo triennio (2012-2014) la spesa dello Stato per l'ambiente. Rispetto ai circa 2,4 miliardi di euro del 2010 (anno di riferimento) si registra un decremento del 20% circa nel 2012, di circa il 26% nel 2013 e di circa il 32% nel 2014. Questi alcuni dei dati contenuti nella Relazione illustrativa al Disegno di Legge di Bilancio 2012-2014, 'L'ecobilancio dello Stato' realizzata dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato del ministero dell'Economia e delle Finanze e pubblicata online.
Al top degli interventi di spesa il suolo e il paesaggio. In particolare, le risorse stanziate dallo Stato per la spesa primaria per la protezione dell'ambiente e l'uso e gestione delle risorse naturali, ammontano - si legge nella Relazione - a circa 1,9 miliardi di euro nel 2012 (0,41% della spesa primaria complessiva del bilancio dello Stato); a 1,7 miliardi di euro nel 2013 (0,38% del bilancio dello Stato) e a 1,6 miliardi di euro nel 2014 (0,37% del bilancio dello Stato). Si tratta delle risorse iniziali stanziate in conto competenza per il triennio 2012-2014. Rispetto al 2010 (anno per il quale è stato predisposto per la prima volta l'allegato al Rendiconto generale dello Stato e per il quale è disponibile quindi una rappresentazione della spesa), quando le risorse erano pari a circa 2,4 miliardi di euro, si registra un decremento del 20% circa nel 2012, di circa il 26% nel 2013 e di circa il 32% nel 2014. Più della metà delle risorse vanno ai capitoli di protezione e risanamento del suolo, delle acque del sottosuolo e di superficie, e di protezione della biodiversità e del paesaggio che assorbono rispettivamente il 27,7% e il 22,3% degli stanziamenti iniziali nel 2012, il 20,6% e il 24,7% nel 2013, il 20,4% e il 25,3% nel 2014.
La maggior parte delle risorse sono assegnate al ministero dell'Ambiente (29% nel 2012) e a quello delle Politiche agricole, alimentari e forestali (23%). Le informazioni contenute nel documento, sottolinea la Ragioneria, sono il risultato di una prima sperimentazione e "tale quadro non solo potrà subire variazioni" ma potrà "anche essere ulteriormente affinato".(ww.ansa.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com