ENTI E MINISTERI

Mipaaf, riparte il Cra con un nuovo Cda e 32 assegni di ricerca per 1,4 milioni di euro

"La ricerca scientifica in agricoltura - ha sottolineato il Ministro - può e deve svolgere un ruolo importante, anche sostenendo gli imprenditori agricoli in un processo di rinnovamento e fornendo loro strumenti per affrontare le difficoltà determinate dalle conseguenze che i cambiamenti climatici stanno determinando in questo settore. Sono convinto che il Cra in questo senso debba e possa svolgere una funzione fondamentale, costruendo un rapporto e un dialogo sempre più stretto con il mondo del lavoro e con le organizzazioni del settore e dando nuovo impulso alla ricerca in ambito agricolo. Proprio in questo senso ci tengo a sottolineare l'importanza del bando lanciato lo scorso agosto dal Cra per l'attribuzione di 32 assegni di ricerca. Un segnale importante dell'attenzione posta da questo Ministero verso l'innovazione nel comparto su tutti i fronti".  
Lo ha dichiarato il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania presenziando all'insediamento del nuovo Consiglio d'amministrazione del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (Cra) che si è tenuto questa mattina presso la sede del Dicastero.
Nel mese di agosto, infatti, il Cra ha lanciato quattro bandi per il conferimento di 32 assegni di ricerca, per un impegno di spesa complessivo di oltre 1,4 milioni di euro, sulle seguenti tematiche: produzioni vegetali e biotecnologie, scienze delle produzioni animali, produzioni agro-industriali, produzioni forestali e ambiente. I contributi, del valore di 45.892 euro per 2 anni, saranno assegnati a seguito della selezione indetta con i bandi che scadranno il 10 settembre 2012. Le domande di partecipazione sono scaricabili dal sito del CRA www.entecra.it.
Il nuovo Cda dell'ente è composto dal Presidente del Cra Giuseppe Alonzo, dal Prof. Francesco Adornato (Preside Facoltà di Scienze Politiche Università di Macerata), dal Prof.  Salvatore Tudisca (Professore ordinario di Economia ed Estimo Rurale presso Università degli Studi di Palermo) e dalla Dott.ssa Rita Clementi (ricercatrice in genetica medica).
Nel corso della seduta il Consiglio d'amministrazione ha approvato all'unanimità il nuovo statuto. "Il consenso generale dei membri del Cda sui contenuti e le finalità del nuovo statuto - ha sottolineato il Presidente Alonzo - rappresenta uno stimolo importante per avviare una nuova stagione di attività per l'ente che deve essere al servizio della ricerca e delle aziende della filiera agroalimentare". (www.politicheagricole.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com