ENTI E MINISTERI

Un nuovo progetto finanziato dall’UE
Sostiene la causa di una produzione e distribuzione di prodotti alimentari più sostenibile

È stato appena lanciato un nuovo progetto finanziato dall´Ue che vuole dare il suo contributo perché il settore alimentare si impegni per una produzione, trasformazione e distribuzione più sostenibile dal punto di vista ambientale dei propri prodotti. L´industria agro-alimentare è attualmente uno di maggiori responsabili dell´innalzamento dei livelli di emissioni e del riscaldamento globale oltre a consumare in totale circa il 70% dell´acqua dolce del mondo. L´obiettivo principale è ridurre l´impatto ambientale del cibo e delle bevande attraverso la catena di produzione, cominciando con la produzione e la trasformazione per arrivare fino alla distribuzione commerciale.
Con un finanziamento di 2.890.67 euro nell´ambito del tema "Alimentazione, agricoltura e pesca e biotecnologia" del Settimo programma quadro (7° Pq) dell´Ue, il progetto Sense ("Harmonised Environmental Sustainability in the European food and drink chain") riunisce 23 aziende, associazioni per i prodotti alimentari e centri di ricerca di Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Islanda, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera e Turchia. La filosofia di Sense è coinvolgere questi gruppi di ricercatori, produttori, trasformatori e distributori per sviluppare un approccio armonizzato che possa essere usato per valutare l´impatto ambientale dei prodotti alimentari in modo preciso ed efficiente.
I partner del consorzio di Sense si occuperanno di creare una metodologia che possa essere applicata ai settori dei succhi, dei latticini, della carne e dell´acquacoltura. Questa metodologia dovrà essere facile da incorporare nelle aziende di prodotti alimentari a prescindere dalle loro dimensioni e deve essere anche in grado di aiutare i consumatori a identificare quali prodotti sono impegnati per la sostenibilità ambientale e quali non lo sono. Il team consulterà i consumatori durante il processo per ascoltare i loro punti di vista su quale forma avrà l´identificazione del prodotto e quali informazioni fornirà. Un progetto triennale avrà lo scopo di valutare i sistemi attuali per analizzare l´impatto ambientale e creerà un nuovo sistema semplificato per valutare la sostenibilità tracciabile lungo tutta la catena di produzione.
Il team ha lo scopo di delineare una strategia che comprenda i tre pilastri della sostenibilità: rispetto per l´ambiente, fattibilità economica e beneficio per la società. Anche se il nuovo sistema armonizzato sviluppato nell´ambito di Sense si occupa in particolare dei settori dei succhi, latticini, carne e acquacoltura, la metodologia sarà facilmente trasferibile a qualsiasi prodotto alimentare. Per maggiori informazioni, visitare: Azti-tecnalia: http://www.Azti.es/  (Fonte www.marketpress.info)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com