ENTI E MINISTERI

Agro-Environmed: nasce la piattaforma tecno-ambientale per l’agroalimentare mediterraneo

Nell’ambito dell’undicesima edizione di Ecofira, la Fiera Internazionale delle Soluzioni Ambientali, che ha avuto luogo a Valenzia dal 29 febbraio al 2 marzo, si è tenuto l’evento conclusivo di "Agro-Environmed", un progetto europeo di cooperazione interregionale cofinanziato dal FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) attraverso il programma MED.
 
Il progetto si poneva l’obiettivo di promuovere la diffusione di tecnologie ambientali e di pratiche eco-innovative nelle imprese del settore agroalimentare dell’area del Mediterraneo, coinvolgendo 11 partner, tra cui anche l’ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione, in rappresentanza di 6 paesi dell'area del Mediterraneo (Francia, Grecia, Italia, Portogallo, Spagna e Slovenia).
Nella conferenza finale del progetto, dal titolo "Ecoinnovazione: un fattore chiave nel settore agrofood", sono stati presentati i principali risultati delle attività del progetto, le prospettive di evoluzione delle tecnologie ambientali per il settore agroalimentare, i casi di successo e le buone pratiche eco-ambientali nella filiera agroalimentare.
Questi i partner di AgroEnvironmed: l’Istituto Andaluso di Tecnologia (IAT) – Spagna, che ha coordinato il progetto; il Dipartimento per l’Ambiente e il Territorio del Governo Regionale Valenziano – Spagna; il Dipartimento dell’Ambiente del Governo Regionale Andaluso – Spagna; l’Associazione degli Imprenditori della Regione dell’Alentejo Litorale – Portogallo; il Centro di Ricerca Scientifica Bistra Ptuj – Slovenia; il Centro d’Innovazione e Trasferimento Tecnologico nel settore Agroalimentare della Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra (CRITT-IAA-PACA) – Francia; l’Università di Atene – Grecia;  la Prefettura di Florina – Grecia, il Parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia – Italia; l’Eurobic Toscana Sud – Italia e l’ARTI – Italia.
Cinque, invece, sono stati i comparti analizzati dal progetto, tutti afferenti all’agroalimentare: olio d’oliva, vino, frutta e verdura, carne, latte e derivati.
Ogni comparto è stato studiato da due diversi partner, in modo che si garantisse un confronto efficace e lo scambio di esperienze e conoscenze tra le diverse regioni: nello specifico, l’ARTI e l’Istituto Andaluso di Tecnologia (IAT) hanno selezionato come settore di lavoro comune quello dell’olio d’oliva, sia per l’importanza strategica che assume nelle economie delle due regioni coinvolte, sia per l’impatto che il suo processo di produzione genera sull’ambiente.
In ciascuna regione, inoltre, sono state selezionate dieci piccole e medie imprese, sulle quali è stata effettuata una valutazione relativa all’uso delle tecnologie sostenibili da un punto di vista ambientale. A seguito di tale analisi, sono stati definiti dei piani d’azione finalizzati all’adozione da parte delle imprese delle migliori tecnologie e pratiche ambientali.
Nell’ambito del progetto, è stato inoltre realizzato un catalogo delle tecniche ambientali e delle buone pratiche nel settore agroalimentare, fruibile da parte di tutte le aziende del Mediterraneo operanti nel settore e finalizzato allo sviluppo di azioni comuni e alla definizione di processi di ammodernamento produttivo.
Tale catalogo, infatti, costituisce il principale risultato del progetto, la Piattaforma tecno-ambientale delle tecnologie e delle buone pratiche per il settore agro-alimentare dell'Area del Mediterraneo, che è stata presentata ufficialmente nel corso della conferenza finale ed è disponibile online all’indirizzo http://agro.geoenvi.org/. La consultazione della piattaforma, che continuerà ad essere aggiornata per un’ulteriore anno a seguito del termine del progetto, è inoltre compatibile con le tecnologie dei più diffusi smartphone.
La conferenza finale ha ospitato anche una tavola rotonda in cui sono stati illustrati casi di successo ed esperienze nei singoli sottosettori: Giuseppe Lopriore dell’Università di Foggia si è occupato dell’olio d’oliva, Salvatore Scilio ha presentato l’esperienza della tenuta Scilio nella vitivinicoltura, Riccardo Bresciani ha presentato le tecniche di depurazione naturale di acque reflue utilizzate dall’azienda Iridra, Josè Martin, direttore di Tecninvest, ha approfondito le tematiche connesse al settore della carne.
Nel corso dell’iniziativa, inoltre, sono stati illustrati gli obiettivi della nuova strategia europea a supporto dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile ed i nuovi strumenti di finanziamento alla Ricerca e Sviluppo nell’ecoinnovazione. (www.aise.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com