ENTI E MINISTERI

Partenariati per l'innovazione
La Commissione europea ha proposto di agire per affrontare tre sfide principali della nostra società: fornitura di materie prime, agricoltura sostenibile, invecchiamento attivo e in buona salute della popolazione. La Commissione europea ha quindi avviato nuovi partenariati europei per l'innovazione (PEI).

Il partenariato europeo per l'innovazione (PEI) è un concetto nuovo introdotto con l'iniziativa "Unione dell'innovazione" della strategia Europa 2020. Il suo obiettivo è affrontare le debolezze e gli ostacoli nel sistema europeo di ricerca e innovazione che impediscono o rallentano lo sviluppo di buone idee e il loro sbocco sul mercato. L'obiettivo è da raggiungere entro il 2020.
Il Presidente della Commissione europea José Manuel Barroso ha dichiarato: "Dobbiamo innovare per riportare l'Europa verso la crescita e l'occupazione e per affrontare sfide importanti quali l'accesso alle materie prime, la gestione sostenibile dell'agricoltura e l'invecchiamento della società. I partenariati europei per l'innovazione abbatteranno le divisioni, elimineranno le strozzature e faranno sì che i nostri sforzi siano imperniati su risultati importanti per i nostri cittadini e le nostre imprese".
Ogni partenariato è guidato da un gruppo direttivo presieduto dal Commissario o dai Commissari europei responsabili del settore, a questi si aggiungono i rappresentanti dei Paesi dell'UE, i membri del Parlamento, industriali, ricercatori, società civile e altre parti interessate.
La proposta di creare un partenariato europeo per l'innovazione sulle materie prime ha lo scopo di aumentare la produzione propria dell'Europa e farà convergere gli sforzi d'innovazione a vantaggio della ricerca e della trasformazione delle materie prime.
Il partenariato europeo per l'innovazione (PEI) "Produttività e sostenibilità dell'agricoltura" intende rispondere alla sfida fondamentale per l'agricoltura: non solo produrre di più, ma anche farlo in modo
Il Commissario europeo per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale, Dacian Ciolos ha dichiarato: "La sfida principale per l'agricoltura in futuro non è solo produrre di più, ma anche meglio. Gestire la domanda, orientare la ricerca e l'innovazione e diffondere le migliori pratiche sono aspetti fondamentali per il raggiungimento di tale scopo".
Il PEI sull'invecchiamento demografico rappresenta una delle sfide più acute per l'Europa. Nei prossimi 50 anni la popolazione sopra i 65 anni raddoppierà, aumentando da 87 milioni nel 2010 a 148 milioni nel 2060.
John Dalli, Commissario per la Salute e la politica dei consumatori ha dichiarato: "Invecchiare mantenendosi attivi e in salute è fondamentale per i cittadini e per la sostenibilità dei sistemi sanitari e di assistenza e non da ultimo per il potenziale sviluppo industriale. Il nostro intento è ottenere risultati concreti nei prossimi due anni".

Fabrizio Spada e Cristina Erbetta
Rappresentanza a Milano della Commissione europea
tel. +39.02.4675141
comm-rep-mil@ec.europa.eu



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com