ENTI E MINISTERI

Qualità, per l’Italia il pacchetto non è un pacco
Soddisfazione di Catania e De Castro per il varo delle misure che aggiungono garanzie per la tutela del made in Italy. Ora la sfida si sposta sulla 'madre di tutte le battaglie': la Pac

Il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, e il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro, in una conferenza stampa congiunta hanno presentato l’11 luglio al Mipaaf il nuovo pacchetto di compromesso sui sistemi di qualità nella versione concordata nel trilogo (Parlamento europeo-Commissione-Consiglio dei ministri) informale del 21 giugno.
“Le novità contenute nel Pacchetto Qualità sono un ottimo risultato per il nostro Paese – ha dichiarato Catania - perché sono il frutto del duro lavoro che l’Italia ha portato avanti con grande determinazione e unità a livello comunitario, sia in sede di Consiglio europeo che del Parlamento. Il testo iniziale del Pacchetto è stato sensibilmente migliorato proprio grazie al nostro impegno continuo e costante per tutelare la qualità delle nostre produzioni agroalimentari. Questo risultato assume ancora maggiore rilievo se consideriamo anche la posizione di minoranza che l’Italia ha avuto nel corso delle trattative. Tra le novità del Pacchetto, quella che ritengo forse la più importante è la misura relativa alla protezione ex officio, grazie alla quale gli Stati membri sono tenuti ad adottare le misure necessarie a tutelare le indicazioni geografiche. In questo modo non potranno più verificarsi casi come quello del famigerato ‘Parmesan’ e le nostre eccellenze agroalimentari potranno essere protette nel modo adeguato”.
Sulla stessa linea anche De Castro, che ha spiegato come la riforma della Pac possa essere considerata “la madre di tutte le battaglie”, e come i tempi per combatterla si stiano facendo sempre più stretti anche alla luce degli oltre 2.000 emendamenti alla proposta di Ciolos previsti in arrivo entro le prossime 24 ore.
Dal punto di vista dell’Italia, rispetto agli anni passati la possibilità di intervenire in maniera sostanziale sui testi proposti è assolutamente migliorata grazie al meccanismo della codecisione che riequilibra lo strapotere dei paesi nordeuropei in consiglio con una fortissima presenza di rappresentanti delle aree mediterranee in parlamento.
Da rimarcare come, in risposta agli interventi della stampa, tanto Catania quanto De Castro abbiano voluto sottolineare come la mancata approvazione della programmazione di produzione nel pacchetto qualità, che a differenza di quella del pacchetto latte è stata rimandata in seno alla discussione sulla riforma Pac, non possa essere in nessun modo considerata una sconfitta per il nostro paese in quanto la questione rimane ancora aperta sui tavoli di Bruxelles. La questione potrebbe inoltre essere chiusa in maniera definitiva, secondo De Castro, qualora venisse accolta la proposta di Michel Dantin, che già prevede al suo interno l’estensione del pacchetto latte a tutte le filiere produttive.
 
Ecco il testo del progetto di regolamento che, rispetto alla regolamentazione vigente (Reg. 510/06), contiene elementi nuovi:
- protezione ex officio (art. 13): introduzione esplicita nel regolamento del principio che gli Stati membri sono tenuti ad adottare le misure necessarie alla tutela delle indicazioni geografiche designando le autorità responsabili di adottare le misure di protezione e prevedendo espressamente che le autorità designate offrano adeguate garanzie di obiettività ed imparzialità. Quindi non sarà più necessaria una denuncia di parte affinché si attivi il processo di protezione su un prodotto riconosciuto a livello comunitario;
- protezione estesa (art. 13): la protezione prevista dall’art. 13 è stata estesa anche alle DOP/IGP utilizzate come ingredienti di altri prodotti composti, elaborati o trasformati;
- riconoscimento dei ruoli e delle responsabilità dei gruppi (ad es. Consorzi di tutela) (art. 42) ai quali viene attribuito il compito di contribuire alla protezione ed alla promozione delle Dop e Igp. A tal fine viene inoltre previsto che gli Stati membri possano incoraggiare la formazione ed il funzionamento dei gruppi sul proprio territorio;
- indicazioni in etichetta (art. 12): viene espressamente previsto che possano figurare in etichetta sia rappresentazioni grafiche della zona d’origine, sia testi o simboli che si riferiscono allo Stato membro e/o alle regioni all’interno delle quali è situata la zona di produzione delle DOP/IGP;
- marchi d’area (art. 12): viene espressamente previsto che possano essere utilizzati in etichetta i marchi collettivi geografici insieme alle denominazioni di origine protette e alle indicazioni geografiche protette;
- prodotto di montagna (art. 28): tra i termini facoltativi di qualità viene introdotto direttamente nel regolamento il termine “prodotto di montagna” (per i prodotti di cui all’allegato I del Trattato) che può essere utilizzato esclusivamente per indicare un prodotto ottenuto con materia prima e/o mangimi per animali provenienti essenzialmente da aree di montagna ed il cui processo di trasformazione avviene nelle aree di montagna come definite dal Reg. 1257/99, art. 18.1;
- prodotto delle isole (art. 29b): la Commissione si impegna a presentare, entro 12 mesi dall’entrata in vigore del regolamento, uno studio sulla possibilità di introdurre il nuovo termine facoltativo di qualità “prodotto delle isole” per i prodotti di cui all’allegato I del Trattato. La materia prima deve provenire dalle isole e per i prodotti trasformati, se la lavorazione è sostanziale per determinarne le caratteristiche, deve avvenire nelle isole;
- modifica della disciplina delle Stg (Titolo III): a differenza di quanto previsto dal reg. 509/2006 non viene più consentita la registrazione come Stg di prodotti senza riserva del nome. Ciò rischiava di compromettere le due Stg italiane (pizza napoletana e mozzarella), tuttavia il lavoro di discussione in sede comunitaria ha permesso di ottenere un iter meno gravoso per quei prodotti che non hanno la registrazione del nome attraverso l’introduzione di una procedura semplificata per la registrazione dei nomi delle Stg registrate senza riserva. E’ stato inoltre portato a 10 anni che decorrono dalla data di entrata in vigore del regolamento il periodo transitorio concesso dalla Commissione per utilizzare il logo Stg sui prodotti registrati senza riserva del nome;
- termini facoltativi di qualità: con l’obiettivo di facilitare la comunicazione nell’ambito del mercato interno, per consentire ai produttori di comunicare il valore aggiunto di un determinato prodotto sono introdotti i termini facoltativi di qualità, diversi dai termini riservati facoltativi che rimangono disciplinati all’interno dell’Ocm unica (es. olio estratto a freddo).
Vi è comunque la possibilità che gli Stati membri mantengano le proprie norme nazionali in materia, purché siano conformi al diritto comunitario. I termini facoltativi di qualità devono soddisfare i seguenti criteri:
1. il termine si riferisce ad una caratteristica di una o più categorie di prodotti, derivanti da produzione o processo in uso in alcune specifiche aree;
2. l’uso del termine aggiunge valore rispetto a prodotti similari presenti sul mercato;
3. il termine ha una dimensione europea.
(http://agronotizie.imagelinenetwork.com/)

 

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com