ENTI E MINISTERI

Ue, le cooperative ortofrutticole di Belgio Francia Olanda  Spagna e Italia ribadiscono loro contrarietà ad ipotesi di indebolimento del sostegno alle op
Nell’ambito di un convegno organizzato all’Interpoma di Bolzano, le organizzazioni cooperative dei cinque principali paesi produttori ortofrutticoli hanno firmato una posizione congiunta per chiedere nel quadro della consultazione pubblica avviata dalla Commissione UE  il mantenimento e il rafforzamento del regime di aiuto alle OP previsto dall’attuale Ocm ortofrutta.

Il sostegno alle OP resta una priorità imprescindibile e non è in alcun modo accettabile un suo indebolimento attraverso la messa in campo di nuove opzioni che implicherebbero l’abbandono totale o parziale dell’attuale meccanismo di aiuti. Se si immaginasse di cambiare l’orientamento strategico dell’attuale Ocm ortofrutta, ne verrebbero penalizzate non solo le organizzazioni di produttori e i loro soci, ma l’intera filiera ortofrutticola europea. Lo hanno ribadito, firmando una posizione congiunta, le organizzazioni cooperative dei cinque principali paesi produttori ortofrutticoli europei durante il convegno internazionale promosso da Assomela di concerto con Alleanza cooperative Agroalimentari, dal titolo Il settore ortofrutticolo alle porte della riforma della Organizzazione comune di mercato svoltosi il 15 novembre a Bolzano, nell’ambito della manifestazione fieristica Interpoma.
Le cinque sigle – Alleanza delle Cooperative Agroalimentari (Italia), Associazione delle cooperative ortofrutticole olandesi - DPA (Olanda), Cooperativas Agroalimentarias (Spagna), Federazione delle cooperative ortofrutticole francesi Felcoop (Francia) e Associazione delle cooperative orticole del Belgio - VBT (Belgio) - hanno sottolineato come “proprio grazie al regime dell’OCM le cooperative europee sono riuscite a migliorare la qualità e la sicurezza dei prodotti ortofrutticoli, a realizzare importanti investimenti, a valorizzare con successo i prodotti e a collocarli sui mercati esteri. Il tutto svolgendo un importante ruolo sul piano delle garanzie ambientali e offrendo ai propri soci servizi concreti, contribuendo alla modernizzazione delle loro aziende”.
Il livello di aggregazione dell’offerta nel settore ortofrutticolo è ancora insufficiente, riconoscono i cinque paesi nella loro posizione comune. È tuttavia erroneo affermare  che dal ruolo esercitato dalle OP sui mercati non ne tragga beneficio anche la produzione non organizzata. Inoltre, il fatto che una parte della produzione sia organizzata genera benefici concreti sia ai clienti (commercio, industria), i quali trovano nelle OP fornitori competitivi e stabili con una migliore e più ampia capacità di fornitura, sia ai consumatori, ai quali è offerta una migliore qualità e tracciabilità dei prodotti.
Inoltre, rilevante è il contributo che le organizzazioni dei produttori danno al mantenimento dei livelli occupazionali  e ciò assume maggiore rilevanza in quelle regioni in cui più alto è il tasso di disoccupazione.
Ma forse l’aspetto che va in assoluto più evidenziato dell’attuale regime di aiuti alle OP è che il sostegno è diretto a vere e proprie “imprese dei produttori”, per lo più organizzate sotto forma di cooperative, imperniate su principi democratici e solidali e che sono in grado di offrire garanzie di permanenza e di impegno nei confronti dei territori dove svolgono le loro attività, dal momento che per loro natura non possono delocalizzare le loro produzioni come invece altri soggetti extra-agricoli.
Si può affermare che i migliori esempi di competitività del settore, di ricerca, di promozione, di marketing, di internazionalizzazione, di tutela del reddito per il produttore si trovano proprio nelle regioni  in cui è più alto il tasso di organizzazione nelle OP.
Il sistema finanziario dell’Ocm ortofrutta va quindi difeso poiché ha dimostrato tutta la sua efficacia: il co-finanziamento obbligatorio da parte dei produttori della OP non solo raddoppia le risorse disponibili, ma garantisce anche che vengano intraprese unicamente azioni realmente efficaci e condivise. Infine, il fatto che l’aiuto erogato sia direttamente proporzionale alla cifra di affari (VPC) contribuisce a far evolvere le OP nella direzione di una sempre maggiore valorizzazione e concentrazione dell'offerta.  
Va infine sottolineato che i mezzi finanziari concessi alle OP ortofrutticole sono molto limitate, sono inferiori al 2% rispetto al bilancio totale della PAC, in rapporto alla importante contribuzione della produzione ortofrutticola sull’insieme del settore agricolo, che è pari a circa al 22 % della PLV.

Alina Fiordellisi
Fedagri-Confcooperative
Ufficio Stampa
tel        +39 06 469781
mobile  +39 380 3996627  + 39 333 1281303
fiordellisi.a@confcooperative.it


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com