ENTI E MINISTERI

Nasce la moneta ufficiale di Expo 2015
Unità e diversità sono i principi fondamentali che il belga Luc Luycx e l'italiana Laura Cretara si sono ispirati per la realizzazione delle immagini per la moneta ufficiale dell'Esposizione Universale di Milano

Su una faccia il numero 1 ripetuto cinque volte. Sull’altra le cinque foglie dell’albero della vita. Le immagini che il belga Luc Luycx e l’italiana Laura Cretara hanno realizzato per la moneta ufficiale di Expo Milano 2015 danno concretezza a uno dei principi fondamentali cui l’Esposizione Universale si ispira: l’unità nella diversità. I cinque uno e le cinque foglie raffigurate sul diritto e sul rovescio della coniazione rappresentano infatti l’unione dei cinque continenti e la collaborazione tra i popoli.
Realizzata in una lega di metalli riciclati e con le più avanzate tecnologie anticontraffazione, la moneta “ecologica ed intelligente” di Expo Milano 2015 è stata presentata giovedì 3 maggio al Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci”. All’incontro, introdotto dalla giornalista Silvana Giacobini, sono intervenuti l’Amministratore Delegato di Expo 2015 SpA Giuseppe Sala, il Presidente della World Money Fair di Berlino Albert Beck, rappresentanti della Zecca Reale del Belgio, il coordinatore del progetto e fondatore del Museo del Tempo Sandro Sassoli e il consulente numismatico della Banca d’Italia Guido Crapanzano. Presenti anche gli artisti autori della moneta: Luc Luycx, coin designer delle monete Euro, e Laura Cretara creatrice delle più belle monete della Repubblica.
“E’ importante celebrare importanti eventi con una moneta. Perché la moneta – ha spiegato Giuseppe Sala, AD di Expo 2015 SpA - è un simbolo. E’ qualcosa che rimane nel tempo, ha un suo valore e ha un pubblico di appassionati”.
Il fondatore e presidente onorario della World Money Fair di Berlino, Albert M. Beck, ha ricordato il valore di testimonianza storica di monete e medaglie commemorative: “Sono un ponte tra passato e presente – ha affermato -. Ci consentono di creare un rapporto mentale diretto e visivo con avvenimenti storici, politici e sociali e con culture passate”.
“Per un artista – ha aggiunto Laura Cretara - è un privilegio firmare una moneta poiché è destinata a rimanere nella memoria della storia, come documento di un’epoca. Ma è anche una grande responsabilità poiché l’artista deve interpretare la realtà storica in cui vive e trasmettere con immagini simboliche quanto di positivo ci sia nei valori che tengono unita la società”.
In occasione della presentazione dell’emissione dedicata all’Esposizione Universale è stata inaugurata la mostra “Di mano in mano – Storia della moneta globale”, che raccolgie rari esemplari di monete che hanno avuto una circolazione trasnazionale, dalle prime monete dell’Asia Minore al progetto United Future World Currency, fino al recente progetto “The official coin and medal collection” nato per celebrare Expo Milano 2015. (www.expo2015.org)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com