ENTI E MINISTERI

L’Italia è la prima potenza peschereccia del Mediterraneo.
Nel “Secondo Rapporto Pesca” dell’Inail si stimano 28mila unità impiegate, con un pescato pari a circa il 50% della produzione totale. Nonostante le criticità che ne ostacolano la crescita ulteriore, il settore della pesca, vitale per la nostra economia, è oggi chiamato a ricercare e mantenere un equilibrio fra redditività d'impresa e sfruttamento delle risorse ittiche.

L'Italia è la prima "potenza peschereccia" del Mediterraneo, con un pescato pari a circa il 50% della produzione totale. Nonostante le criticità che ne ostacolano la crescita ulteriore, il settore della pesca, vitale per la nostra economia, è oggi chiamato ad affrontare una sfida decisiva per la sua stessa sopravvivenza: ricercare e mantenere un equilibrio fra redditività d'impresa e sfruttamento delle risorse ittiche. L'Inail stima in circa 28mila le unità impiegate nella pesca a tempo pieno per tutto l'anno. Il "Secondo Rapporto Pesca", che sarà presentato il 18 ottobre alle ore 9.00 a Civitavecchia presso il Centro Storico Culturale della Capitaneria di Porto Forte Michelangelo, via delle Quattro Porte, prende in considerazione un periodo di cinque anni (2003-2008) lungo il cui arco vengono esaminati l'andamento infortunistico e i sinistri marittimi. Punto di sintesi del Rapporto, dopo un'attenta osservazione delle pratiche di lavoro a bordo dei pescherecci, è l'individuazione di soluzioni che, oltre a garantire l'imprescindibile sicurezza sul lavoro, consentano la modernizzazione competitiva del settore e la valorizzazione del prodotto. Alla presentazione del Rapporto aprirà i lavori Marco Fabio Sartori, Presidente dell'Inail. Oltre agli autori, parteciperanno i rappresentanti del mondo istituzionale e produttivo del comparto della pesca. Fra gli altri, Fedele Nitrella, Comandante Capitaneria di Porto Civitavecchia, Luigi Giannini, direttore generale Federpesca, Enrico Maria Pujia, direttore generale Trasporto Marittimo e delle Acque Interne Ministero Infrastrutture e Trasporti. In chiusura Giuseppe Lucibello, direttore generale dell'Inail. (www.aiol.it)



Torna all'indice di ASA-Press.com