ENTI E MINISTERI

“Pacchetto latte” Ue: bene l’accordo sulla programmazione produttiva dei formaggi Dop. Un’opportunità che va estesa a tutte le filiere
La Cia: è un buon inizio. L’autogoverno dei produttori, nell’ambito di corrette relazioni intersettoriali, è la strada maestra per regolare il mercato.
 
E’ sicuramente un buon inizio. Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta l’accordo raggiunto a Bruxelles, nell’ambito della redazione definitiva del cosiddetto “pacchetto latte”, tra la Commissione, il Consiglio e il Parlamento europeo sulla possibilità di programmare le produzioni e l’immissione sui mercati dei formaggi Dop (Denominazione di origine protetta).
La Cia ricorda di essere stata la prima organizzazione a richiedere la possibilità di intervenire nella programmazione per i Consorzi di tutela delle denominazioni di origine. Ora occorre al più presto che questa opportunità sia estesa a tutte le filiere agroalimentari.
Più in generale la Cia ritiene che l’autogoverno dei produttori nell’ambito di corrette relazioni intersettoriali sia la strada maestra per regolare il mercato. Tutto ciò superando le vecchie logiche dei vincoli e delle quote, ma anche assicurando trasparenza e un’equa ripartizione del valore aggiunto nella filiera. (www.cia.it)




Torna all'indice di ASA-Press.com