FATTI E PERSONE

Ambiente: Ong: Ogni tedesco nella sua vita mangia 1094 animali
70% superfici agricole per filiera carne, devastando ecosistema

Quattro manzi, 4 pecore, 12 oche, 37 anatre, 46 maiali, 46 tacchini e 945 polli: totale 1094, a tanto ammonta la carne divorata nel corso di una vita da un tedesco, che equivale a circa 60 chilogrammi di carne l'anno procapite. Nei paesi più poveri si arriva a malapena a 10 chilogrammi, in quelli a rapida crescita circa 30. Lo "sfrenato" desiderio di carne dei cittadini tedeschi è stato fotografato da un "Fleischatlas", un atlante della carne, redatto dall'Associazione per la protezione dell'ambiente e della natura (Bund) assieme alla Fondazione Heinrich Boell, vicina ai Verdi e alla rivista Le Monde Diplomatique.
Attualmente nel mondo il 70% circa delle superfici agricole viene utilizzata direttamente o indirettamente per la filiera della carne. L'ingrasso di manzi, maiali e pollame costituisce una delle attività più redditizie dell'agricoltura e contribuisce per il 40% al valore complessivo del settore primario mondiale.
Di tutte le bestie da allevamento consumate, il maiale si piazza con agio al primo posto, con 111 milioni di tonnellate di carne. La produzione di pollame nell'ultimo mezzo secolo si è più che decuplicata e ora è al secondo posto con 104 milioni di tonnellate, seguite dalla carne di manzo con 67 milioni e quella ovina con 14 milioni.
Un numero crescente di animali oggigiorno viene cresciuto nella stalle e nutrito con mangime da ingrasso, sottolinea il Fleischatlas. Per questo l'Unione europea importa 35 milioni di tonnellate di soja per mangime, soprattutto dal Sudamerica. Solo l'Argentina ha destinato 20 milioni di ettari di terreno alla coltivazione della soja e per far questo ha distrutto milioni di ettari di foresta tropicale.
Il presidente di Bund auspica una netta svolta nella politica agricola, per fermare tanto l'agricoltura che l'allevamento intensivo ed alleggerire il carico sull'ambiente e in particolare sulle falde acquifere. (www.lastampa.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com