FATTI E PERSONE

Bruxelles lancia strategia infrastrutture "verdi"
Benefici per agricoltura, pesca, clima, trasporti, energia

Prati sui tetti in città per mitigare le ondate di calore o zone umide naturali per fronteggiare le alluvioni: sono alcuni esempi di infrastrutture 'verdi' che la Commissione Ue ha deciso di promuovere nei 27 Stati membri, adottando una strategia ad hoc. ''Costruire infrastrutture verdi - afferma il commissario Ue all'Ambiente, Janez Potocnik - spesso è un buon investimento per la natura, per l'economia e per l'occupazione. Dovremmo fornire la società di soluzioni che funzionino insieme alla natura invece che contro la natura, laddove ha un senso a livello economico e ambientale''.
La nuova strategia Ue cercherà di promuovere infrastrutture verdi nelle varie politiche europee ed entro la fine del 2013 svilupperà le linee guida per la loro integrazione in agricoltura, pesca, clima, trasporti, energia, politiche regionali. Per realizzare questo piano, entro il 2014 la Commissione Ue, insieme alla Banca europea d'investimenti (Bei), metterà a punto anche uno strumento finanziario ad hoc, mentre nel 2015 presenterà uno studio di valutazione di una rete di infrastrutture verdi di portata europea.
Si tratta di investimenti vantaggiosi: nel caso del ripristino di una pianura alluvionale del fiume Elba in Germania, lo spostamento delle dighe, il passaggio ad una gestione agricola sostenibile e la creazione di passaggi per i pesci, si sono tradotti in benefici quattro volte superiori ai costi. (www.ansa.it)
 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com