FATTI E PERSONE

Non solo pasta, gli Italiani ora mangiano involtini primavera e kebab
Straniera circa una impresa di ristorazione su dieci, +9,3% . Tra i Paesi più presenti, Cina, Egitto, Romania e Albania. Milano capitale della cucina cinese, araba e sudamericana. E i cinesi hanno ormai più bar che ristoranti

Cotoletta, pasta e pizza ma anche involtini primavera, sushi, enchiladas e kebab, la dieta degli italiani diventa sempre più varia ed internazionale. In un Paese in cui quasi un residente su dodici ormai è di origine straniera anche la cucina si apre alle culture dei suoi nuovi cittadini. Un fenomeno che cresce: se infatti il settore complessivo della ristorazione tra 2011 e 2012 è cresciuto in media del 2,0%, nello stesso periodo le imprese straniere registrano, tra ristoranti e bar, un aumento del 9,3% superando nel 2012 le 28.000 attività e pesano ormai il 9% sull’intero settore. Tra le attività della ristorazione sono più di 17.000 i ristoranti veri e propri (61,5%), quasi 11.000 i bar e caffè (38,5%). La ristorazione etnica in Italia in circa un caso su quattro parla cinese (con il 23,8% delle imprese individuali con titolare straniero attive nel settore, pari a 4.188 ditte) ma si difendono anche il contingente arabo che, tra le varie nazionalità, detiene una attività su cinque (20,9% pari a 3.670 ditte individuali, più della metà egiziani) ed i latino americani con quasi una impresa su dodici (7,4% del totale, 1.298 imprese). Ma ci sono anche imprenditori rumeni (1.093 imprese, 6,2%) e albanesi (776, 4,4%). E se i titolari arabi sono soprattutto ristoratori puri, tra ristoranti e take away, (86,8% delle attività) i cinesi in Italia gestiscono ormai più bar che ristoranti (2.424 i bar, il 57,9% delle imprese dei servizi di ristorazione con titolare cinese).
Una ristorazione che sul territorio ama soprattutto il Centro e Nord Italia, tra Lombardia con il 26,9% delle imprese, il Lazio (10,8%), l’Emilia Romagna (10,7%) e il Veneto (10,3%). Tra le province dove mangiare etnico è più facile, Milano (12,8% del totale degli stranieri ristoratori), Roma (9,2%), Torino (4,7%), Brescia (3,4%) e Bologna (3,2%). A Milano hanno sede inoltre il 25,1% dei ristoranti e bar attivi con titolare cinese, il 20,5% di quelli con titolari provenienti dai Paesi arabi e il 7,7% dei ristoratori latinoamericani.
Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al terzo trimestre 2012 e 2011 relativi alle sedi di impresa e, per le nazionalità, ai titolari di impresa individuale.


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com