FATTI E PERSONE

Sanità: pasti in ospedale, circa 40% finisce nel cestino

Con conseguenze amare per le casse dello Stato

Negli ospedali italiani, circa il 40% dei pasti distribuiti ai pazienti finisce nella pattumiera. Con conseguenze amare per le casse dello Stato. Colpa, soprattutto, di cibi poco graditi ai ricoverati, oltre che delle condizioni dei malati e dell'organizzazione di visite ed esami, programmati in molti casi senza tener conto della distribuzione dei pasti. A scattare all'Adnkronos Salute la fotografia sui costi giornalieri dei pasti ospedalieri - nel giorno in cui il ministro della Salute Beatrice Lorenzin annuncia la messa a punto di un piano per il recupero dei cibi sprecati in corsia - è Ilario Perotto, presidente dell'Angem, l'Associazione nazionale delle aziende per la ristorazione collettiva aderenti alla Fipe.

Una battaglia, quella della lotta ai cibi sprecati in ospedale, sostenuta anche dal numero uno dell'Angem: "Abbiamo messo a punto un progetto - afferma all'Adnkronos Salute - che non guarda solo al recupero del cibo sprecato ma anche e soprattutto all'individuazione degli sprechi: dall'acquisto alla preparazione fino alla distribuzione. Abbiamo attivato un Osservatorio ad hoc che a breve ci fornirà dati più precisi del fenomeno".

Secondo Perotto, lo spreco dei pasti in corsia "potrebbe essere drasticamente ridotto solo se i capitolati delle gare d'appalto fossero meno rigidi e si permettesse ai fornitori dei pasti di dire la propria, sempre in collaborazione coi dietisti, sui menù. In questo modo - spiega l'esperto - potremo venire incontro anche ai gusti dei ricoverati. Lo spreco maggiore, infatti, è legato allo scarso gradimento e alla poca varietà dei cibi offerti. Con proposte più adeguate potremmo ridurlo almeno del 50%".

Ridurre gli sprechi porterebbe certamente ossigeno alle casse dello Stato. I dati parlano chiaro: "In Italia - spiega Perotto - il prezzo di una giornata alimentare - che comprende colazione, pranzo, merenda e cena - può variare, a seconda dei bandi di gara fatti dalle singole Asl, dai 12 ai 18 euro". Con un prezzo medio quindi di 15 euro, che moltiplicato per il numero delle giornate di degenza stimate dal rapporto del ministero della Salute sulle attività di ricovero 2010 (70,7 milioni, a fronte di oltre 11 milioni di ricoveri) porta alla cifra vicina al miliardo di euro.

Naturalmente si tratta solo di una stima che potrebbe presentare variazioni legate ad alcuni fattori clinici difficilmente valutabili: basti pensare alle giornate che precedono un'operazione chirurgica, in cui il paziente viene tenuto a digiuno. Un conto ragguardevole che, secondo Perotto, potrebbe finire direttamente a carico dei ricoverati: "Prima o poi, speriamo il più tardi possibile, i pazienti saranno costretti a pagarsi i pasti in ospedale. Esattamente come già succede per le mense scolastiche. Un modo come un altro per permettere al Ssn di fare cassa". (www.adnkronos.com)


 

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com